Sento di aver sprecato la mia vita

Spazio per psicologi, counselor, psicoterapeuti e tutti coloro che vogliono offrire - o ricevere - un servizio inerente alla psicologia e all'approccio empirico.
Database di articoli propri o tratti da libri e siti internet, ma anche temi a scelta dell'autore.

Sento di aver sprecato la mia vita

Messaggioda seri82 » 14/11/2017, 12:41



Ho 35 anni, ho sempre cercato di accontentare le aspirazioni di mamma e papà. Ricordo la sera in cui compilavo l'iscrizione all'università, volevo fare lettere. Mia madre mi ha detto: ma no, fai legge, così trovi lavoro. Ecco, mi sono laureata. L'unica cosa che ho scelto è stata la tesi in diritto romano, per la quale necessitavo di qualche mese in più, ma mi è stato dato l'aut aut devi laurearti entro i 25 anni. Ho fatto la pratica da avvocato, calci in c*lo presi da parte di due nullità che gestivano una studio senza clienti, ho anche tentato di cambiare, ma non mi sono mai sentita all'altzza di entrare in uno studio più grande. Ho superao l'esame di stato, ho vissuto all'estero due anni, ho studiato una lingua straneira nemmmeno tanto facile e pensavo: quando torno in Italia con questo bagaglio di conoscenze posso fare quello che voglio! e invece no, perché mi sentivo in dovere di "provare" la carriera forense e così sono finita a lavorare in uno studio in cui non mi mandavano in udienza, non avevo clienti, e da tre anni non dormo la notte per paura di sbagliare qualcosa nel mio lavoro. Ho abbandonato lo studio della liingua straniera, che avevo appreso tanto bene. Vorrei aprire una scuola di lingue, ma vedo sempre ostacoli di fronte a me, ho sempre paura di sbagliare e fallire. Ad ottobre, dopo il secondo aborto in 6 mesi, ho deciso di prendere una decisione drastica e mi sono cancellata dall'ordine degli avvocati. Ma adesso ho paura di aver fatto una cazzata. non solo, ma devo continuare a svoglere du incarichi per il tribinale, e di nuovo non dormo di notte, ho ansie e preoccupazioni forse anche immotivate. Tempo di aver sbagliato tutto. Ho trovato lavoro per lacune ore settimanali in una scuola di lingue privata, ma mi vergogno a dirlo. La mia famiglia non lo sa. Mia madre è depressa per me perché non ho lavoro e non riesco ad avere figli. A volte avrei voglia di buttarmi nel fiume. La mia è una vita completamente inutile, non ho la forze e la volontà di viverla. Lunedì prossimo mi sottoporrò con il mio compagno a delle visite per capire il perché degli aborti consecutivi, ma se dovessi apprendere di non poter avere figli credo che a quel punto, nonosctante l'amore che provo per lui, togliero il disturbo. In fondo sono un peso, piango, sono triste, non ho nemmeno più un lavoro, non ho mai avito un lavoro che mi dia stabilità eonomica. Sono un masso di pietra sterile che naviga trasportato dalla corrente. Mi dicono che dovrei farmi aiutare, ma da chi?
  • 0

seri82
Nuovo Amico Virtuale
 
Stato:
Messaggi: 7
Iscritto il: 13/04/2015, 9:20
Genere: Femminile

sento di aver sprecato la mia vita

Messaggioda Maura » 14/11/2017, 13:29



Ciao,
posso farti una domanda?
Perché hai sempre accontentato tutti? nella scelta della facoltà, nella scelta del lavoro.
Ti sei mai posta questa domanda?
Per i tuoi aborti ti mando un grande abbraccio a distanza, ci sono passata anche io e so cosa vuol dire.
Ti faccio un grande in bocca al lupo per le tue visite ma devi avere una grande forza per affrontarle, non saranno una passeggiata.
Le sto affrontando anche io, se vuoi parlarne son qui :hi:
  • 0

Maura
Amico level seven
 
Stato:
Messaggi: 335
Iscritto il: 09/02/2015, 13:13
Località: Roma
Citazione: Panta Rei
Genere: Femminile

sento di aver sprecato la mia vita

Messaggioda Disperso » 14/11/2017, 14:24



Ho 35 anni, ho sempre cercato di accontentare le aspirazioni di mamma e papà.

In questa frase c'è già tutto o quasi.

Io ne ho 33 è sono nella merda come te,inadeguatezze di ogni tipo, non ho mai tentato di soddisfare mamma e papà, ma inizio a comprendere che l'ho fatto inconsciamente.
La famiglia sembra essere la condanna degli esseri umani, il legame con essa è la principale fonte di disturbi mentali.
  • 0

Avatar utente
Disperso
Amico level five
 
Stato:
Messaggi: 247
Iscritto il: 25/05/2016, 16:23
Località: Un luogo
Genere: Maschile

sento di aver sprecato la mia vita

Messaggioda Ensō » 14/11/2017, 15:24



Spesso, accontentare gli altri significa deludere noi stessi. La cosa migliore sarebbe trovare un adeguato compromesso, ma non è sempre facile mantenere la stabilità tra queste due esigenze. Nella maggior parte dei casi una prevarica l'altra. Forse un sano egoismo attuato allora, avrebbe potuto evitare le situazioni spiacevoli di oggi.
  • 0

Avatar utente
Ensō
Amico level nine
 
Stato:
Messaggi: 445
Iscritto il: 26/09/2016, 7:30
Località: Prov. Pavia
Citazione: La vita non è né brutta né bella, ma è originale.

"La coscienza di Zeno" Italo Svevo.
Genere: Maschile

sento di aver sprecato la mia vita

Messaggioda Masquerade » 14/11/2017, 15:43



Se per 35 hai accontentato gli altri, che ne dici di iniziare ora ad accontentare te stessa? Non credi sia giunto il tempo per farlo? Dedicarsi ai propri "successi" è sicuramente più proficuo del dover accumulare insuccessi per soddisfare le aspirazioni altrui.
E te lo dice chi per molto tempo ha fatto il tuo stesso errore. Ed ora che ho corretto la rotta, va decisamente meglio.
  • 0

Lascia che la vita che ti gira intorno ti attraversi l'anima
Avatar utente
Masquerade
Amico level fourteen
 
Stato:
Messaggi: 678
Iscritto il: 07/09/2016, 16:28
Località: Italia
Citazione: La verità è scioccante solo per chi non desidera vedere la realtà.
(Bert Hellinger)
La quercia chiese al mandorlo: "Parlami di Dio!" E il mandorlo fiorì...
(Nikos Kazantzakis)
Genere: Femminile

sento di aver sprecato la mia vita

Messaggioda seri82 » 14/11/2017, 16:04



Maura ha scritto:Ciao,
posso farti una domanda?
Perché hai sempre accontentato tutti? nella scelta della facoltà, nella scelta del lavoro.
Ti sei mai posta questa domanda?
Per i tuoi aborti ti mando un grande abbraccio a distanza, ci sono passata anche io e so cosa vuol dire.
Ti faccio un grande in bocca al lupo per le tue visite ma devi avere una grande forza per affrontarle, non saranno una passeggiata.
Le sto affrontando anche io, se vuoi parlarne son qui :hi:


ciao, credo che sia dovuto al fatto che quello che facevo non era mai abbastanza. A scuola fin dalle elementari ero una delle più brave della classe, ma a mia madre non bastava, e nel weekend invece di giocare mi teneva in casa a fare altri esercizi di grammatica e matematica. C'era una costante competizione con mia cugina più grande di 3 anni, nel senso che mi veniva costantemente rimarcato che lei era brava, studiosa, ecc... e invece io non studiavo abbastanza. Ripeto, ero sempre chiusa in casa a studiare e infatti non ho mai avuto modo di coltivare amicizie, un po' anche per il mio carattere chiuso. Non mi hanno mai fatto fare sport e quando sono ingrassata mi sono sentita ricoprire di insulti da mio padre tipo che facevo schifo (non sono obesa, ma mia madre mi ha detto che il papà era tanto triste e preoccupato perché ero obesa e facevo schifo). Tutto è sempre vissuto come senso di colpa, anche adesso, mia madre mi chiama e mi dice che è giù in sostanza per colpa mia perché non ho un lavoro e ho perso i miei bambini. E da quando ero piccola che mi vomita addosso tutti i suoi problemi, anche di lavoro, siccome non ha mai avuto amiche. Sono andata da una counselor, ma credo che in realtà forse dovrei parlare con qualcuno di diverso, non so. Mi dispiace per te, mi auguro che tutto si risolva
  • 0

seri82
Nuovo Amico Virtuale
 
Stato:
Messaggi: 7
Iscritto il: 13/04/2015, 9:20
Genere: Femminile

sento di aver sprecato la mia vita

Messaggioda Maura » 14/11/2017, 16:41



seri82 ha scritto:
Maura ha scritto:Ciao,
posso farti una domanda?
Perché hai sempre accontentato tutti? nella scelta della facoltà, nella scelta del lavoro.
Ti sei mai posta questa domanda?
Per i tuoi aborti ti mando un grande abbraccio a distanza, ci sono passata anche io e so cosa vuol dire.
Ti faccio un grande in bocca al lupo per le tue visite ma devi avere una grande forza per affrontarle, non saranno una passeggiata.
Le sto affrontando anche io, se vuoi parlarne son qui :hi:


ciao, credo che sia dovuto al fatto che quello che facevo non era mai abbastanza. A scuola fin dalle elementari ero una delle più brave della classe, ma a mia madre non bastava, e nel weekend invece di giocare mi teneva in casa a fare altri esercizi di grammatica e matematica. C'era una costante competizione con mia cugina più grande di 3 anni, nel senso che mi veniva costantemente rimarcato che lei era brava, studiosa, ecc... e invece io non studiavo abbastanza. Ripeto, ero sempre chiusa in casa a studiare e infatti non ho mai avuto modo di coltivare amicizie, un po' anche per il mio carattere chiuso. Non mi hanno mai fatto fare sport e quando sono ingrassata mi sono sentita ricoprire di insulti da mio padre tipo che facevo schifo (non sono obesa, ma mia madre mi ha detto che il papà era tanto triste e preoccupato perché ero obesa e facevo schifo). Tutto è sempre vissuto come senso di colpa, anche adesso, mia madre mi chiama e mi dice che è giù in sostanza per colpa mia perché non ho un lavoro e ho perso i miei bambini. E da quando ero piccola che mi vomita addosso tutti i suoi problemi, anche di lavoro, siccome non ha mai avuto amiche. Sono andata da una counselor, ma credo che in realtà forse dovrei parlare con qualcuno di diverso, non so. Mi dispiace per te, mi auguro che tutto si risolva


Tanti genitori fanno come tuoi,
tante madri fanno leve sui sensi di colpa dei figli.
Anche la mia lo fa e colpisce quando sa di colpire (potrei elencarti infiniti pomeriggi passati a casa a fare servizi perché lei era stanca e gli serviva una mano mentre mia sorella usciva per tutto il pomeriggio).
Mia mamma non è cattiva, semplicemente non conosce altro modo di comunicare/rapportarsi con me (con mia sorella si ma questo è un altro discorso).
Dalla terapia che ho affrontato ho capito una cosa: lei non cambia, i suoi modi non cambiano.
Con certe cose puoi solo farci pace e accettare che tua madre (la mia nel caso specifico) non sarà mai come la vorresti tu.
Hai solo un modo per difenderti: prendere le distanze (non nel senso di non voler bene a tua mamma sia ben chiaro).
Io ho iniziato a parlare (ad urlare talune volte), dico tutto quello che non mi sta bene.
Cambia qualcosa? cambia che ci pensa 2 volte prima di frignare per farmi sentire in colpa, lo farà lo stesso ma almeno una volta su due si trattiene.
Costruisciti una corazza e fai quello che ti fa stare bene e se puoi quello che ti piace.
La vita è una gran fregatura, cerchiamo almeno di goderci quel poco di felicità che riusciamo a raggiungere.
  • 0

Maura
Amico level seven
 
Stato:
Messaggi: 335
Iscritto il: 09/02/2015, 13:13
Località: Roma
Citazione: Panta Rei
Genere: Femminile

Re: Sento di aver sprecato la mia vita

Messaggioda Lizard17 » 14/11/2017, 17:50



Hai fatto tante cose ....hai superato tanti ostacoli ..hai avuto il coraggio di prendere decisioni importanti ...il cambiamento fa parte del vivere ....non abbatterti ...nel caso di una brutta notizia ci sono anche alternative ...pesa a quanti bambini potresti adottare che nn hanno nessuno su cui contare perché abbandonati al loro destino


Non buttarti giù ..ho letto una donna forte e capace di tutto ...se nn ce la fai tu chi c'è la deve fare ?


Un abbraccio
  • 0

Avatar utente
Lizard17
Amico level five
 
Stato:
Messaggi: 241
Iscritto il: 20/04/2015, 9:51
Genere: Maschile


Torna a Forum di Psicologia, Counseling, Coaching e Approccio empirico di MyHelp

Chi c’è in linea in questo momento?

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite

Reputation System ©'