Nella disperazione più nera

Parliamo dei Disturbi del Comportamento Alimentare (DCA), patologie sempre più diffuse nella nostra società. Anoressia Nervosa (AN), Bulimia Nervosa (BN), Disturbi dell'Alimentazione Non Altrimenti Specificati (DA-NAS o EDNOS), Disturbo da Alimentazione Incontrollata (Binge Eating Disorder, BED), Night Eating Syndrome, Orthorexia Nervosa, Reverse Anorexia.

Nella disperazione più nera

Messaggioda Navigator63 » 03/08/2018, 23:42



AnimaInLacrime ha scritto:E se per la mia causa non ci fosse niente che io da sola possa fare per me stessa?

Se tu non sei in grado di aiutarti da sola (e non ci sarebbe nulla di strano... nessuno sa fare tutto :) ), puoi chiedere l'aiuto di una persona competente.

- Hai problemi con l'auto? Vai da un meccanico.
- Ti sei fatta un taglio profondo? Vai a farti ricucire.
- Non sai cosa mangiare che ti faccia stare bene? Vai da un dietologo.
- Hai un grosso problema psicologico, emotivo, esistenziale? Vai da un terapeuta (di che tipo, dipende dal problema e da cosa cerchi)

Nessun uomo (o donna) è un isola. :hug:
Noi umani abbiamo realizzato mirabilie, proprio perché collaboriamo insieme.
Quando abbiamo bisogno di aiuto e non ce la facciamo da soli, chiedere aiuto (ad una persona con le competenze adeguate) è la cosa più intelligente, saggia e funzionale da fare.
  • 0

Il mio Blog "Psicofelicità": http://psicofelicita.blogspot.it/

Non possiamo scegliere cosa ci accade, ma possiamo sempre scegliere come reagire a ciò che ci accade.
Avatar utente
Navigator63
Amico level six
 
Stato:
Messaggi: 250
Iscritto il: 21/07/2014, 2:29
Località: Torino
Citazione: Non possiamo scegliere cosa ci accade, ma possiamo sempre scegliere come reagire a ciò che ci accade.
Genere: Maschile

Nella disperazione più nera

Messaggioda AnimaInLacrime » 04/08/2018, 18:59



Navigator63 ha scritto:Se tu non sei in grado di aiutarti da sola (e non ci sarebbe nulla di strano... nessuno sa fare tutto :) ), puoi chiedere l'aiuto di una persona competente.

- Hai problemi con l'auto? Vai da un meccanico.
- Ti sei fatta un taglio profondo? Vai a farti ricucire.
- Non sai cosa mangiare che ti faccia stare bene? Vai da un dietologo.
- Hai un grosso problema psicologico, emotivo, esistenziale? Vai da un terapeuta (di che tipo, dipende dal problema e da cosa cerchi)

Nessun uomo (o donna) è un isola. :hug:
Noi umani abbiamo realizzato mirabilie, proprio perché collaboriamo insieme.
Quando abbiamo bisogno di aiuto e non ce la facciamo da soli, chiedere aiuto (ad una persona con le competenze adeguate) è la cosa più intelligente, saggia e funzionale da fare.


Concordo pienamente con tutto quello che dici ma io mi riferivo proprio a qualcosa di leggermente diverso.
E se io da sola non potessi fare niente per me stessa, perché quello di cui ho bisogno per colmare la mia voragine non sono in grado di ottenerlo da sola?
Nel senso che anche un aiuto esterno di tipo professionale può agire solo su di me, sul mio modo di comportarmi...
Ma non credo di poter fare qualcosa io da sola per curare, fino alla radice, il mio problema.
  • 0

Sally è già stata punita per ogni sua distrazione o debolezza, per ogni candida carezza data per non sentire l'amarezza.
Avatar utente
AnimaInLacrime
Amico level nineteen
 
Stato:
Messaggi: 1008
Iscritto il: 25/06/2015, 0:47
Località: Palermo
Occupazione: Studentessa confusa e infelice
Citazione: Accetta la tua follia!
Genere: Femminile

Nella disperazione più nera

Messaggioda Navigator63 » 04/08/2018, 22:39



AnimaInLacrime ha scritto:E se io da sola non potessi fare niente per me stessa, perché quello di cui ho bisogno per colmare la mia voragine non sono in grado di ottenerlo da sola?
Nel senso che anche un aiuto esterno di tipo professionale può agire solo su di me, sul mio modo di comportarmi...
Ma non credo di poter fare qualcosa io da sola per curare, fino alla radice, il mio problema.

Stai distorcendo la prospettiva, e ponendo all'esterno il potere di trasformazione (googla "external locus of control").

Tu sei nata sana - a quanto ne so.
A meno che tu abbia un serio danno cerebrale, fisiologico od endocrino (e non mi risulta a quanto hai detto), essere sana è ancora il tuo stato naturale, e quindi puoi ritornarci.

Il problema è che c'è un ostacolo da qualche parte, un blocco, un nodo, che genera lo stato patologico, e ti impedisce di tornare allo stato sano (e sereno).
Quindi quello che c'è da fare è identificare questo blocco/nodo (ma a livello di causa originale, non di effetto, come è il cibo), e poi vedere come rimuoverlo.

AL momento tu non sai quale sia il tuo blocco/nodo originale. Credi sia nell'essere grassa, ma quello è solo e soltanto il sintomo - NON la causa! (e qs è il motivo per cui tutti i tuoi sforzi sono serviti a poco: hai lavorato solo sui sintomi)
Quando un terapeuta identifica la vera causa (se è abbastanza capace), ecco che diventa possibile lavorarci su, e progredire.
E il terapeuta non solo ti aiuta a chiarire il vero problema, ma ti dà anche degli strumenti con cui tu puoi guarire te stessa. :)

E quindi, con la nuova consapevolezza della vera causa, insieme ai nuovi strumenti ricevuti, diventi in grado di guarire - pian piano - te stessa. :coolok:
  • 1

Il mio Blog "Psicofelicità": http://psicofelicita.blogspot.it/

Non possiamo scegliere cosa ci accade, ma possiamo sempre scegliere come reagire a ciò che ci accade.
Avatar utente
Navigator63
Amico level six
 
Stato:
Messaggi: 250
Iscritto il: 21/07/2014, 2:29
Località: Torino
Citazione: Non possiamo scegliere cosa ci accade, ma possiamo sempre scegliere come reagire a ciò che ci accade.
Genere: Maschile

Nella disperazione più nera

Messaggioda AnimaInLacrime » 07/08/2018, 15:19



Navigator63 ha scritto:
AnimaInLacrime ha scritto:E se io da sola non potessi fare niente per me stessa, perché quello di cui ho bisogno per colmare la mia voragine non sono in grado di ottenerlo da sola?
Nel senso che anche un aiuto esterno di tipo professionale può agire solo su di me, sul mio modo di comportarmi...
Ma non credo di poter fare qualcosa io da sola per curare, fino alla radice, il mio problema.

Stai distorcendo la prospettiva, e ponendo all'esterno il potere di trasformazione (googla "external locus of control").

Tu sei nata sana - a quanto ne so.
A meno che tu abbia un serio danno cerebrale, fisiologico od endocrino (e non mi risulta a quanto hai detto), essere sana è ancora il tuo stato naturale, e quindi puoi ritornarci.

Il problema è che c'è un ostacolo da qualche parte, un blocco, un nodo, che genera lo stato patologico, e ti impedisce di tornare allo stato sano (e sereno).
Quindi quello che c'è da fare è identificare questo blocco/nodo (ma a livello di causa originale, non di effetto, come è il cibo), e poi vedere come rimuoverlo.

AL momento tu non sai quale sia il tuo blocco/nodo originale. Credi sia nell'essere grassa, ma quello è solo e soltanto il sintomo - NON la causa! (e qs è il motivo per cui tutti i tuoi sforzi sono serviti a poco: hai lavorato solo sui sintomi)
Quando un terapeuta identifica la vera causa (se è abbastanza capace), ecco che diventa possibile lavorarci su, e progredire.
E il terapeuta non solo ti aiuta a chiarire il vero problema, ma ti dà anche degli strumenti con cui tu puoi guarire te stessa. :)

E quindi, con la nuova consapevolezza della vera causa, insieme ai nuovi strumenti ricevuti, diventi in grado di guarire - pian piano - te stessa. :coolok:


Ti ringrazio delle tue parole :)
  • 1

Sally è già stata punita per ogni sua distrazione o debolezza, per ogni candida carezza data per non sentire l'amarezza.
Avatar utente
AnimaInLacrime
Amico level nineteen
 
Stato:
Messaggi: 1008
Iscritto il: 25/06/2015, 0:47
Località: Palermo
Occupazione: Studentessa confusa e infelice
Citazione: Accetta la tua follia!
Genere: Femminile

Nella disperazione più nera

Messaggioda AnimaInLacrime » 08/08/2018, 18:40



Quarto giorno di dieta e non so nemmeno da dove cominciare.

Credevo di fare una cosa buona per me e invece mi sono tolta l'unica cosa che mi dava un pizzico di serenità in mezzo al caos triste che ho dentro.

Con un metabolismo basale di quasi 1400 kcal mi hanno dato una dieta di 1600. Sulla carta.
Perché la maggior parte dei giorni non arrivo a 1550 kcal e c'è un giorno, quello che odio di più, che di calorie ne ho 1360.

Non ho fame, tranne in qualche momento, ma sto peggio perché mi sento debole, mi gira la testa, sono fiacca e senza forze. Credo che le parole più giuste siano queste.

Sto ricominciando a detestare anche quel poco di cibo che mi tocca, al punto tale che ho di nuovo voglia di mettermi due dita in gola e vomitare anche l'anima. Sto praticamente ritornando a quando tutto è cominciato.
Non riesco nemmeno a fare la mia attività fisica quotidiana. Ieri ho praticamente fermato il video dopo ogni esercizio perché non riuscivo, non ci riuscivo. Verso la fine ero così distrutta, non solo fisicamente, che ho cominciato a piangere. Alzavo i pesi e piangevo, facevo flessioni e piangevo...

E sono solo 4 giorni.

Adesso sono seduta per terra e mi viene da vomitare al pensiero di dovermi mettere sulla cyclette perché sono già stanca.

Avevo trovato un mio equilibrio col cibo, non mangiavo porcherie, non ne mangio più da almeno 4 anni, sfogavo la mia ansia con una bella sudata ma ora mi sento come se fossi una macchina, una di quelle vecchie 500, che non riesce a fare la salita che le si prospetta davanti.

Non riesco più nemmeno a studiare.

Continuo a ripetermi che devo solo aspettare che il mio corpo si abitui ma io nel frattempo... Il pensiero di dover trascorrere così non so quanto tempo per perdere questi maledetti chili in più sinceramente mi fa venire voglia di aprire la finestra e buttarmi. Sono solo quattro giorni e io sono già al mio limite di sopportazione... Non dico che la mollerò perché non sono così ma per portarla avanti forse sono finita dentro al burrone che ho cercato di evitare per tutto questo tempo.


E' per questo che non volevo andarci. Non volevo la proibizione, non volevo sentirmi stanca, non volevo la fame, non volevo piangere tutte le notti prima di dormire perché non so che cacchio fare...

E sarà sempre peggio perché da settembre la mia vita sarà più stressante, camminerò almeno 2 km al giorno obbligatoriamente... Come farò?

Volevo aiutarmi e invece mi sono data un altro calcio.
  • 0

Sally è già stata punita per ogni sua distrazione o debolezza, per ogni candida carezza data per non sentire l'amarezza.
Avatar utente
AnimaInLacrime
Amico level nineteen
 
Stato:
Messaggi: 1008
Iscritto il: 25/06/2015, 0:47
Località: Palermo
Occupazione: Studentessa confusa e infelice
Citazione: Accetta la tua follia!
Genere: Femminile

Nella disperazione più nera

Messaggioda -Entropia » 08/08/2018, 23:22



Continuo a ripeterti da anni ormai, che dovresti farti aiutare da un terapeuta, il giusto terapeuta, quello che ti fa sentire a tuo agio, compresa e meno sola, al sicuro. Esiste una persona così, ok? Si paga, ma oh, è per la tua salute! Ti stai buttando via, te ne rendi conto? Se arrivi così sfiancata e scombussolata forse c'è qualcosa che non va con questa dieta.

I primi giorni capita di avere qualche difficoltà ad abituarsi ad un regime alimentare diverso, ma se il problema persiste dovresti confrontarti col tuo nutrizionista!
Penso che tu non abbia i presupposti per iniziare un percorso di dimagrimento consapevole al momento, devi prima risolvere i problemi che hai in sospeso con te stessa, o non faranno altro che ostacolarti, come tu stessa già stai constatando.

Scusami se sono dura ma mi fa stare male saperti così a pezzi...
  • 1



Immagine

Avatar utente
-Entropia
Amico level seven
 
Stato:
Messaggi: 316
Iscritto il: 29/11/2016, 11:28
Località: Tartaro
Citazione: La mélancolie est l'illustre compagnon de la beauté, elle est si bien que je ne peux concevoir aucune beauté qui ne porte en elle sa tristesse.

-Charles Baudelaire
Genere: Femminile

Nella disperazione più nera

Messaggioda Navigator63 » 09/08/2018, 17:39



Il cibo non è il problema. La dieta non è la soluzione :hug:

"Follia è fare sempre la stessa cosa e aspettarsi risultati diversi." ;)
(Albert Einstein)
  • 1

Il mio Blog "Psicofelicità": http://psicofelicita.blogspot.it/

Non possiamo scegliere cosa ci accade, ma possiamo sempre scegliere come reagire a ciò che ci accade.
Avatar utente
Navigator63
Amico level six
 
Stato:
Messaggi: 250
Iscritto il: 21/07/2014, 2:29
Località: Torino
Citazione: Non possiamo scegliere cosa ci accade, ma possiamo sempre scegliere come reagire a ciò che ci accade.
Genere: Maschile

Nella disperazione più nera

Messaggioda AnimaInLacrime » 11/08/2018, 0:24



-Entropia ha scritto:Continuo a ripeterti da anni ormai, che dovresti farti aiutare da un terapeuta, il giusto terapeuta, quello che ti fa sentire a tuo agio, compresa e meno sola, al sicuro. Esiste una persona così, ok? Si paga, ma oh, è per la tua salute! Ti stai buttando via, te ne rendi conto? Se arrivi così sfiancata e scombussolata forse c'è qualcosa che non va con questa dieta.

I primi giorni capita di avere qualche difficoltà ad abituarsi ad un regime alimentare diverso, ma se il problema persiste dovresti confrontarti col tuo nutrizionista!
Penso che tu non abbia i presupposti per iniziare un percorso di dimagrimento consapevole al momento, devi prima risolvere i problemi che hai in sospeso con te stessa, o non faranno altro che ostacolarti, come tu stessa già stai constatando.

Scusami se sono dura ma mi fa stare male saperti così a pezzi...


No, non me ne rendo conto.
Credo che il problema di base sia questo. Non ho ben chiara la gravità di quello che mi sta succedendo.
E' come se non riuscissi a vederla nel suo colore vero, come se la vedessi grigia. Non riesco a percepire quanto scura sia questa tristezza. Non riesco o forse non voglio...

Io ho iniziato questo percorso perché pensavo che fare qualcosa di costruttivo visto il rapporto tremendo che ho con la mia immagine. Quest'anno talmente tanto peggiorato che non sono andata riuscita a fare nemmeno un bagno a mare, nemmeno uno.
Non pensavo che avesse questo effetto su di me, non pensavo che sarebbe stato così.
Ma credo che a peggiorare le cose sia stato trovare un regime alimentare così rigido, non tanto nei pasti principali (identici a quelli che mi preparavo io da sola anche prima), ma negli spuntini e merende. La colazione poi...

Il problema è che ci sono talmente tanti problemi da fare da tappo che mi impedisce di articolare frasi, di raccontare perché sto male.

Sì, sei stata un po' dura ma ho capito il messaggio :)
  • 0

Sally è già stata punita per ogni sua distrazione o debolezza, per ogni candida carezza data per non sentire l'amarezza.
Avatar utente
AnimaInLacrime
Amico level nineteen
 
Stato:
Messaggi: 1008
Iscritto il: 25/06/2015, 0:47
Località: Palermo
Occupazione: Studentessa confusa e infelice
Citazione: Accetta la tua follia!
Genere: Femminile

Nella disperazione più nera

Messaggioda AnimaInLacrime » 11/08/2018, 0:30



Navigator63 ha scritto:Il cibo non è il problema. La dieta non è la soluzione :hug:

"Follia è fare sempre la stessa cosa e aspettarsi risultati diversi." ;)
(Albert Einstein)


Temo proprio che tu abbia ragione... :(
  • 0

Sally è già stata punita per ogni sua distrazione o debolezza, per ogni candida carezza data per non sentire l'amarezza.
Avatar utente
AnimaInLacrime
Amico level nineteen
 
Stato:
Messaggi: 1008
Iscritto il: 25/06/2015, 0:47
Località: Palermo
Occupazione: Studentessa confusa e infelice
Citazione: Accetta la tua follia!
Genere: Femminile

Nella disperazione più nera

Messaggioda Navigator63 » 11/08/2018, 2:06



AnimaInLacrime ha scritto:Io ho iniziato questo percorso perché pensavo che fare qualcosa di costruttivo visto il rapporto tremendo che ho con la mia immagine.

Ma è come dare ritocco alla carrozzeria di un auto che ha un serio problema al motore. ;)
Anche riuscendoci, la guardi e dici "Beh, è più carina..." però poi funziona male uguale a prima.

A costo di ripetermi, devo dirti: "Non stai male perché sei grassa. Sei grassa perché stai male".
Quindi voler lavorare sull'obesità è concentrarsi sul sintomo, non sulla causa.
  • 0

Il mio Blog "Psicofelicità": http://psicofelicita.blogspot.it/

Non possiamo scegliere cosa ci accade, ma possiamo sempre scegliere come reagire a ciò che ci accade.
Avatar utente
Navigator63
Amico level six
 
Stato:
Messaggi: 250
Iscritto il: 21/07/2014, 2:29
Località: Torino
Citazione: Non possiamo scegliere cosa ci accade, ma possiamo sempre scegliere come reagire a ciò che ci accade.
Genere: Maschile

PrecedenteProssimo

Torna a Forum di aiuto su Disturbi dell'Alimentazione

Chi c’è in linea in questo momento?

Visitano il forum: Nessuno e 2 ospiti

Reputation System ©'