Morte interiore

Ci rivolgiamo a tutti coloro che sono arrabbiati e vogliono sfogare la propria rabbia per eliminarla in modo innocuo, grazie allo sfogo scritto.
Questo forum accoglie anche le vittime di bullismo e cyberbullismo e spera che chiunque venga carico di odio possa con lo sfogo allontanare da sé questo sentimento.

Morte interiore

Messaggioda Massimiliano89 » 16/05/2024, 17:30



Non riesco a superare il dolore del male subito dagli altri.
A questo dolore si aggiunge un altro tipo di dolore: quello di essere impotenti verso chi ha causato del male.
Spesso ho voglia di dormire per dimenticare, ma poco dopo il risveglio la tortura mentale ricomincia.
  • 1

Massimiliano89
Amico level nineteen
 
Stato:
Messaggi: 1312
Iscritto il: 09/06/2013, 23:08
Località: Procincia di Roma
Genere: Maschile

Morte interiore

Messaggioda Royalsapphire » 18/05/2024, 16:27



Sai che chi ti ha fatto del male, oggi non sta sicuramente pensando a te, mentre tu sei qui che te lo tieni stretto al tuo cuore!
Sicuramente è difficile dimenticare il tuorto subito. Ma puoi superarlo, andare oltre. A parole è quasi inutile parlarne, perché la soluzione non la trovi semplicemente riflettendoci sopra, ma avresti bisogno di provare un sentimento forte di amore per te stesso, di soddisfazione personale, di riconoscimento del tuo valore, indipendentemente da chi ti circonda o da chi di guarda.
Perché non ti metti in gioco con tutto te stesso? Avrai anche tu un lavoro, una aspirazione, un hobby, una qualche attivià che ti piace fare... no?
:hug:
  • 1

:tao: :rose: :mask: :luce: :home1:
Avatar utente
Royalsapphire
Admin
 
Stato:
Messaggi: 13266
Iscritto il: 12/11/2012, 18:07
Località: Svizzera - Italia
Occupazione: Farmacista e Counselor
Citazione: "Sii il cambiamento che vuoi vedere nel mondo" (Gandhi)
Genere: Femminile

Morte interiore

Messaggioda Navigator63 » 18/05/2024, 23:43



Massimiliano89 ha scritto:Non riesco a superare il dolore del male subito dagli altri.
A questo dolore si aggiunge un altro tipo di dolore: quello di essere impotenti verso chi ha causato del male.

Nella vita ci sono cose su cui non abbiamo potere, né controllo. :dunno:

Una di queste è il passato: ovviamente non possiamo cambiarlo, quindi se ci fissiamo sul passato che ci ha feriti, non facciamo altro che rigirare il coltello nella piaga, ancora e ancora, e rinnoviamo il tormento all'eterno.
Potrebbe sembrare che è colpa di chi ci ha ferito, ma attenzione: se il dolore che ci tormento è nel passato, in realtà siamo noi stessi che continuiamo a farci del male, andando a tormentare la nostra ferita. :mmm2:

E' per quello che il perdono è necessario per vivere bene: non perdoniamo per fare del bene ad altri, ma prima di tutto per "liberare" noi stessi da un passato ingombrante, da una zavorra che altrimenti portiamo sempre al collo. :'(
(un po' come l'albatros morto appeso al collo del marinaio, nella "Ballata del vecchio marinaio" di Coleridge)

Ovviamente non è facile! :D
Per riuscirci è necessario superare l'inganno del risentimento: l'illusione che coltivando l'odio ed il rancore per chi ci ha fatto del male, arriveremo finalmente ad una liberazione o ad una vendetta.
In realtà non succede mai: più coltiviamo il risentimento, più sprofondiamo in una pozza oscura di negatività.

Un'altra trappola è quella del "senso di giustizia": poiché ci sentiamo di essere stati trattati ingiustamente, ci sentiamo in diritto di odiare e di attaccarci ostinatamente a quell'odio.
Ma, come detto sopra, questo attaccamento alla negatività non fa che farci stare sempre peggio - non meglio. Così facendo, preferiamo "avere ragione" che "essere felici" (il che può accadere solo quando lasciamo andare il passato).

Per liberarci da questo passato, è necessario lasciarlo andare. Accettare l'ingiustizia e la nostra impotenza. Arrenderci all'inevitabile.

Se questo discorso ti risuona, ti suggerisco la lettura di un libro notevole: "Alla ricerca di un significato della vita" di Viktor Frankl.
Frankl era uno psichiatra internato nei lager nazisti, e sopravvissuto. Nel libro racconta la sua vicenda, i modi in cui è riuscito a non perdere la speranza, a lasciarsi alle spalle un simile incubo, ed a cercare un significato nella propria vita.
Forse è la lettura che ti serve in questo momento 8-)
  • 1

Il mio Blog "Psicofelicità": https://psicofelicita.blogspot.com/

Winners find a way, losers find an excuse.
Avatar utente
Navigator63
Amico level nineteen
 
Stato:
Messaggi: 1020
Iscritto il: 21/07/2014, 1:29
Località: Torino
Citazione: Non possiamo scegliere cosa ci accade, ma possiamo sempre scegliere come reagire a ciò che ci accade.
Genere: Maschile

Morte interiore

Messaggioda Massimiliano89 » 20/05/2024, 17:45



Navigator63 ha scritto:
Massimiliano89 ha scritto:Non riesco a superare il dolore del male subito dagli altri.
A questo dolore si aggiunge un altro tipo di dolore: quello di essere impotenti verso chi ha causato del male.

Nella vita ci sono cose su cui non abbiamo potere, né controllo. :dunno:

Una di queste è il passato: ovviamente non possiamo cambiarlo, quindi se ci fissiamo sul passato che ci ha feriti, non facciamo altro che rigirare il coltello nella piaga, ancora e ancora, e rinnoviamo il tormento all'eterno.
Potrebbe sembrare che è colpa di chi ci ha ferito, ma attenzione: se il dolore che ci tormento è nel passato, in realtà siamo noi stessi che continuiamo a farci del male, andando a tormentare la nostra ferita. :mmm2:

E' per quello che il perdono è necessario per vivere bene: non perdoniamo per fare del bene ad altri, ma prima di tutto per "liberare" noi stessi da un passato ingombrante, da una zavorra che altrimenti portiamo sempre al collo. :'(
(un po' come l'albatros morto appeso al collo del marinaio, nella "Ballata del vecchio marinaio" di Coleridge)

Ovviamente non è facile! :D
Per riuscirci è necessario superare l'inganno del risentimento: l'illusione che coltivando l'odio ed il rancore per chi ci ha fatto del male, arriveremo finalmente ad una liberazione o ad una vendetta.
In realtà non succede mai: più coltiviamo il risentimento, più sprofondiamo in una pozza oscura di negatività.

Un'altra trappola è quella del "senso di giustizia": poiché ci sentiamo di essere stati trattati ingiustamente, ci sentiamo in diritto di odiare e di attaccarci ostinatamente a quell'odio.
Ma, come detto sopra, questo attaccamento alla negatività non fa che farci stare sempre peggio - non meglio. Così facendo, preferiamo "avere ragione" che "essere felici" (il che può accadere solo quando lasciamo andare il passato).

Per liberarci da questo passato, è necessario lasciarlo andare. Accettare l'ingiustizia e la nostra impotenza. Arrenderci all'inevitabile.

Se questo discorso ti risuona, ti suggerisco la lettura di un libro notevole: "Alla ricerca di un significato della vita" di Viktor Frankl.
Frankl era uno psichiatra internato nei lager nazisti, e sopravvissuto. Nel libro racconta la sua vicenda, i modi in cui è riuscito a non perdere la speranza, a lasciarsi alle spalle un simile incubo, ed a cercare un significato nella propria vita.
Forse è la lettura che ti serve in questo momento 8-)


Grazie Valter.
Le tue parole mi ricordano molto quelle del Dottor Raffaele Morelli, che in parte mi ha aiutato con i suoi libri.
Purtroppo però non sono un guru indiano. Come dici tu " non è facile "
  • 0

Massimiliano89
Amico level nineteen
 
Stato:
Messaggi: 1312
Iscritto il: 09/06/2013, 23:08
Località: Procincia di Roma
Genere: Maschile

Morte interiore

Messaggioda Navigator63 » 20/05/2024, 23:36



Massimiliano89 ha scritto:Purtroppo però non sono un guru indiano.

Siamo tutti allievi... ed a volte maestri. :)

Per quello ritengo prezioso imparare qualcosa da tutti quelli che ne sanno più di me, o che hanno vissuto cose oltre la mia esperienza. :bookread:
Se ora non sono capace di qualcosa, magari posso imparare da altri e riceverne ispirazione. :dunno:
Mai dire mai :coolok:
  • 1

Il mio Blog "Psicofelicità": https://psicofelicita.blogspot.com/

Winners find a way, losers find an excuse.
Avatar utente
Navigator63
Amico level nineteen
 
Stato:
Messaggi: 1020
Iscritto il: 21/07/2014, 1:29
Località: Torino
Citazione: Non possiamo scegliere cosa ci accade, ma possiamo sempre scegliere come reagire a ciò che ci accade.
Genere: Maschile

Morte interiore

Messaggioda Cordis » 07/06/2024, 19:37



Non riesco a superare il dolore del male subito dagli altri.
A questo dolore si aggiunge un altro tipo di dolore: quello di essere impotenti verso chi ha causato del male.
Spesso ho voglia di dormire per dimenticare, ma poco dopo il risveglio la tortura mentale ricomincia.


Ciao bello, guarda che questo è un modo molto comune di star male, nel senso che, chi sta male, frequentemente ha pensieri di questo genere (compreso me a suo tempo), in un modo o nell'altro, sei in buona compagnia.
Come vanno le cure che stai seguendo?
  • 1

Cordis
Amico level twelve
 
Stato:
Messaggi: 562
Iscritto il: 16/03/2022, 20:37
Località: Italia
Genere: Maschile

Morte interiore

Messaggioda Massimiliano89 » 14/06/2024, 8:59



Cordis ha scritto:
Non riesco a superare il dolore del male subito dagli altri.
A questo dolore si aggiunge un altro tipo di dolore: quello di essere impotenti verso chi ha causato del male.
Spesso ho voglia di dormire per dimenticare, ma poco dopo il risveglio la tortura mentale ricomincia.


Ciao bello, guarda che questo è un modo molto comune di star male, nel senso che, chi sta male, frequentemente ha pensieri di questo genere (compreso me a suo tempo), in un modo o nell'altro, sei in buona compagnia.
Come vanno le cure che stai seguendo?


Ciao mi fa molto piacere sentirti.
Sono continuamente sotto controllo medico. Ultimamente un po di insonnia, ma sto diminuendo il Lyrica perché non fa alcun effetto.
Ho avuto una scappatella con una ragazza sposata ma nulla di importante.

Tu come stai? Mi hai detto che anche tu un tempo avevi questi pensieri. Come mai?
  • 0

Massimiliano89
Amico level nineteen
 
Stato:
Messaggi: 1312
Iscritto il: 09/06/2013, 23:08
Località: Procincia di Roma
Genere: Maschile

Morte interiore

Messaggioda Cordis » 15/06/2024, 2:52



Emozioni negative mie? Be, per problemi familiari vari, dall' infanzia in avanti.
Ad un certo punto, dai 23/24, semplicemente, non sono più stato capace di sentirmi bene....
Tutti gli aspetti della mia vita sono andati a puttane, perché stavo male sempre. Bevevo, prendevo sostanze, desideravo buttarmi dalla finestra, non c'avevo voglia di far fatica (emotiva) con le donne, facevo una fatica bestiale (sempre emotiva) per tenermi il lavoro, c'avevo voglia di tirarmi una schioppettata, cose cosi. Nel frattempo (x fortuna) seguivo psicoterapia. Ad un certo punto, oltre i quaranta, mi sono finalmente persuaso a cominciare con gli psicofarmaci, ho avuto fortuna: mi hanno prescritto i farmaci giusti, con i quali, gradualmente, ho ottenuto i risultati giusti, ora sto da papa, ma proprio da dio. In realtà sto normalissimo, niente di che, non è che tutti i problemi sono spariti x magia, ma il punto è che, di norma, STO BENE! Le mie emozioni sono normali, le posso gestire, è tutto ok... ogni volta che mi capita di sentirmi un po' giù, ripenso a come sono stato e RIPARTO DI SLANCIO!


Il correttore ortografico mi ha veramente schiantato gli zebedei, tutte le volte mi tocca rileggere sennò partono degli strafalcioni
  • 0

Cordis
Amico level twelve
 
Stato:
Messaggi: 562
Iscritto il: 16/03/2022, 20:37
Località: Italia
Genere: Maschile


Torna a Forum sul Bullismo, sulla Rabbia e sull'Odio

Chi c’è in linea in questo momento?

Visitano il forum: Nessuno e 4 ospiti

Reputation System ©'