Una vita da incubo

In questa sezione possiamo parlare dei traumi del passato, di psicologia e dei problemi in genere.
Questo è anche il forum sullo sfogo dei propri sensi di colpa.

Una vita da incubo

Messaggioda uomoselvatico70 » 22/05/2019, 12:11



10 giorni fa un fulmine ha colpito la linea elettrica che alimenta la mia casa, rilsutato:

Metà dell'impianto elettrico bruciato, caldaia fuori uso, computer, modem, televisore, centralina di vedeosorveglianza da buttare, ( caldaia e computer in particolare erano nuovi di pacca, tipo una settimana di vita)

Appena 6 giorni dopo dei ladri hanno fozato la porta blindata della mia casa facendo ingenti danni per entrare e devastando tutta la casa per cercare una cassaforte che non c'era...... Risultato: Molte migliaia di ero di danni, casa inagibile al punto che sto dormendo in un albergo

Certo non è molto piacevole tornare alle tre del mattino dopo 12 ore di lavoro, trovarsi la casa devastata al buio, e doversi lavare con l'acqua fredda , specie considerando che questo è solo l'ultimo di una serie infinita di problemi che solo nell'ultimo mese ho dovuto affrontare e risolvere. Tralascierò per non annoiarvi gli infiniti e sottolineo INFINITI problemi che quotidianamente mi trovo ad afrontare e risolvere..... Problemi con i fornitori, con i dipendenti dei vari locali, con la burocrazia da terzo mondo, problemi con la banca, con il commercialista, con l'ufficio tributario, problemi familiari con mia madre anziana e in una casa di cura che quasi tutti i giorni mi telefona perchè va nel panico credendo di essere stata abbandonata malgrado tra me e mio fratello andiamo a trovarla praticamente tutti i giorni facendo letteralmente i salti mortali per riuscirci, malgrado i 100 mila impegni giornalieri.......... Sempre in debito di sonno, sempre con i minuti contati...... Sempre con lo stress a 1000....

Problemi, Problemi, Problemi......INTERMINABILE. :facepalm:

Per darvi una VAGA IDEA sul come sia la mia vita, e sul livello inumano di stress che devo gestire ogni giorno vi basti sapere che quello che per la maggior parte dei miei dipendenti sarebbe considerato un evento "altamente stressante" tipo il ritrovarsi la propria macchina nuova regolarmente parcheggiata lungo la strada, semidistrutta da un vecchietto con un furgone senza assicurazione nè patente ( cosa che mi è capitata giusto il mese scorso..) questo evento dicevo, che per quasi tutti i miei dipendenti sarebbe stato "altamente stressante" a me non è riuscito neanche a far alzare un sopracciglio ......Era solo un problema in più, una rottura di palle in più, un briciola in più, sul monte ENORME, IMMENSO, SMISURATO, dei problemi di tutti i giorni....
A volte i chiedo come faccio a reggere...
Mi verrà un'infarto prima dopo.....Lo so.... Mi verrà un infarto e ci resterò secco......Lo sento.
Se butttassi giù un elenco, anche solo parziale di tutto quello che dovuto affrontare e risolvere solo negli uiltimi sei mesi, dovrei scrivere per almeno 3-4 ore...
Già i miei dipendenti......Alcuni di loro tra settimana corta e ponti vari dal 24 aprile al 2 maggio su un mese hanno lavorato un totale di meno di 16 giorni e meno di 9 ore al giorno.....
Nello stesso periodo io mi sono sparato 85-90 ore a settimana e in tutto il mese di aprile sono stato a casa solo 2 giorni, 2 giorni in un mese.
Ed è la mia vita di sempre...
E poi li sento parlare tra loro di questo e di quello....Li sento dire che loro sono stanchi...... Che loro si fanno il c*lo.....Già....."loro"
Ma andassero a fanculo!...
Bene!.... Questa è la vita tipica del ricco imprenditore del nord-est!....Del self-made man!...
Vi piace?
  • 0

uomoselvatico70
Amico level two
 
Stato:
Messaggi: 90
Iscritto il: 02/01/2019, 6:41
Località: verona
Genere: Maschile

Una vita da incubo

Messaggioda Benny16 » 22/05/2019, 12:47



Vendi tutto, butta il cellulare e mangiati i soldi in qualche paese tropicale fino alla fine dei tuoi giorni. Io farei così.
  • 1

If at all God's gaze upon us fall
His mischievous grin, look at him
Avatar utente
Benny16
Amico level five
 
Stato:
Messaggi: 207
Iscritto il: 16/01/2019, 19:28
Genere: Maschile

Una vita da incubo

Messaggioda rosablu85 » 22/05/2019, 13:56



Non hai nessuno vicino?
  • 0

Avatar utente
rosablu85
Amico level five
 
Stato:
Messaggi: 227
Iscritto il: 30/07/2017, 20:22
Località: Puglia
Genere: Femminile

Una vita da incubo

Messaggioda uomoselvatico70 » 23/05/2019, 12:54



rosablu85 ha scritto:Non hai nessuno vicino?


Ho solo mio fratello, e sta messo come me..
Anche lui corre come un pazzo dalla mattina alla sera.
  • 0

uomoselvatico70
Amico level two
 
Stato:
Messaggi: 90
Iscritto il: 02/01/2019, 6:41
Località: verona
Genere: Maschile

Una vita da incubo

Messaggioda uomoselvatico70 » 23/05/2019, 13:14



Benny16 ha scritto:Vendi tutto, butta il cellulare e mangiati i soldi in qualche paese tropicale fino alla fine dei tuoi giorni. Io farei così.


Ti dirò che da qualche tempo ci sto pensando molto seriamente.
Ormai non ho più legami in Italia tranne mio fratello e mia madre.
So che mio fratello verrebbe con me prima di subito visto che non ha famiglia neanche lui, quanto a mia madre ha 85 anni e non è più lucida di mente.
Sta in una casa di cura privata ma quelle ci sono pure all'estero senza problemi.
Si....Ci sto pensando da un pò ad andarmene per sempre dall'italia.
La casa svaligiata dai ladri è stata solo l'ultima goccia di un situazione sempre più insostenibile, oramai è tutta la mia qualità della vita che fa schifo.
Letteralmente... :'(
Devo andarmene, e farlo presto.
  • 0

uomoselvatico70
Amico level two
 
Stato:
Messaggi: 90
Iscritto il: 02/01/2019, 6:41
Località: verona
Genere: Maschile

Una vita da incubo

Messaggioda Zenit » 23/05/2019, 14:31



Complimenti per la resistenza innanzitutto. Sicuramente sono cose che temprano lo spirito.
Però direi che è anche ora di pensare un po' a te stesso. Cioè, da cosa ho capito, questi problemi sono al centro della tua vita e vanno risolti, va bene. Ma serve anche la giusta dose di svago, altrimenti davvero, un giorno o l'altro esploderai come un fuoco d'artificio. Io direi che dopo tutto sto casino una vacanza non te la toglie nessuno. Ma da staccare la spina totalmente. Vedrai che quando tornerai i problemi ti sembreranno piccolissimi e li risolverai in 4 e 4 otto. Questo perchè la mente ragiona bene solo quando ha ricevuto un meritato riposo. Ricorda che "nessuno è indispensabile, tutti sono sostituibili", questo vuol dire, che se tu per una settimana/10 giorni non ci sarai, il mondo non si fermerà, nessuno morirà. Si arrangeranno. Ma hai un assoluto bisogno di staccare la spina per ritrovare le forze. E poi secondo me questi problemi (a parte i ladri e la scossa, che io considero imprevisti e non problemi. Perchè ahimè, quelli sono portati da una sfiga allucinante), sono risultato del non porre dei limiti agli altri. E' vero che non puoi delegare tutto, ma io fossi in te proverei a farlo. Iniziare a delegare qualche compito, che sai anche tu che riusciresti a fare, ma ti toglierebbe del tempo. Così da vivere con meno stress tu stesso. Inoltre dovresti ricavare del tempo da dedicare a te stesso, con uno sport o un hobby. Io ad esempio, smetto di lavorare un quarto d'ora prima, solo per andare a nuotare. Quell'ora in cui nuoto è dedicata soltanto a me stesso, e non ci rinuncerei per nulla al mondo. Questo significa porre dei limiti agli altri nei nostri confronti.
E poi tutti siamo stressati, dipende come ognuno vive lo stress. Il modo giusto di intenderlo è prendere tutti questi problemi come una sfida da affrontare. Una volta risolti, la missione sarà compiuta e la nostra autostima crescerà. In caso contrario, se intendiamo questi problemi, come tali, ci sentiremo schiacciati e oppressi. E' difficile lo so, ma nulla che senza un po' di pratica si possa fare.
Spero di averti aiutato...
  • 0

Avatar utente
Zenit
Amico level three
 
Stato:
Messaggi: 120
Iscritto il: 07/05/2019, 12:51
Genere: Maschile

Una vita da incubo

Messaggioda nnnnk » 23/05/2019, 15:28



Il problema secondo me è che sei solo, tiri avanti ma per chi, per cosa? I tuoi problemi sono quelli di tanti altri imprenditori come hai detto tu stesso d'altronde, ma il vantaggio di queste persone è avere amici, una moglie con figli accanto e questo credo faccia tutta la differenza del mondo sopratutto nei periodi più bui. I tuoi problemi e tutto ciò che tu trovi stressante potrebbero risultare ridicoli agli occhi di tante altre persone che vivono situazioni peggiori della tua, tu trovi stressante fare tutto questo allo stesso modo in cui trovo stressante lavorare 8 ore in un ufficio per una paga misera con la consapevolezza di valere meno di un pezzo di carta. Situazioni diverse ma stesse sensazioni come vedi
  • 0

Avatar utente
nnnnk
Amico level two
 
Stato:
Messaggi: 67
Iscritto il: 10/11/2018, 20:53
Località: Bologna
Citazione: Il mondo non sa che ci siamo pure noi
Genere: Maschile

Una vita da incubo

Messaggioda Lunastorta » 23/05/2019, 16:51



Imprenditore e dipendenti in veneto. Il problema? Non esiste comunicazione.
Se i tuoi dipendenti parlano slle spalle vuol dire che non sanno. Ma non sanno perche? Perche tu non parli.
In un'azienda dove non c'e comunicazione è facile che si crea attrito tra chi sta su e chi sta giù.
Una cosa che ho notato in molti ambiti lavorativi italiani, non solo in veneto.
Quanto di te sanno i tuoi dipendebti? E quabto tu sai di loro?
Un dipendente che non si sente valorizzato lavorerà la metà di quello che dovrebve.
Il motivo? Hai cosi tante cose per ls testa e corri cosi tanto che forse non fai mai dei complimenti a chi ha fatto qualcosa per te.
La tua azienda non potrebve star su senza i dipendenti ma se il capo non ha testa allora crolla tutto.
Aziende chiudono perchè non c'e collaborazione tra chi gestisce e chi esegue.
Chi gestisce se non ce la fa deve chiedere aiuto invece di stare dalla madre.
Vuoi salvare la tua azienda, la tua vita o tua madre?
Datti una risposta.
  • 0

Non solo uno deve restarne vivo ma io li salverò tutti.
Avatar utente
Lunastorta
Amico level three
 
Stato:
Messaggi: 129
Iscritto il: 02/11/2018, 8:11
Località: Dentro un guscio di noce
Citazione: Molti cadranno ma tu resterai in piedi
Genere: Femminile

Una vita da incubo

Messaggioda Oudeis » 23/05/2019, 17:25



La vita è quasi sempre un incubo.
  • 0

Oudeis
Amico level eight
 
Stato:
Messaggi: 382
Iscritto il: 26/02/2019, 11:34
Località: Mantova
Citazione: Bene e male sono asimmetrici.
Genere: Maschile

Una vita da incubo

Messaggioda anonimopratese » 24/05/2019, 17:19



Caro Uomo Selvatico
Ti ho nel cuore, capisco tutti i tuoi guai e lo stato d’animo terribile in cui stai vivendo
Devi avere davvero una inesauribile forza, sia fisica che spirituale, per tirare avanti tra mille tribolazioni e nessun conforto da un altro essere umano. Ti ammiro ma ti sprono a resistere.
Triste ma nulla si addice a questa situazione dell "homo homini lupus."
E leggendo altri tuoi topic, ancor di piu il “ Homo homini lupus, foemina foeminae lupior, sacerdos sacerdoti lupissimus”.

Che fare? Difficile darti consigli. Io pure sono invischiato in dinamiche simili, ma avendo una famiglia dalla mia, trovo il modo di tirare avanti senza scoraggiarmi oltre un certo limite. Talvolta scopro pure persone meravigliose che mi allargano il cuore e mi fanno ben sperare. Putroppo pero’, nelle dinamiche produttive post capitaliste dove tutti siamo ingranaggi – utili ma facilmente sostituibili - atti a far girare la grande macchina (dipendenti e datori), c’e’ poco spazio per i rapporti umani. Anzi, purtroppo, questi si conformano all’ideale incarnato dalla societa’ produttive-consumistiche dove il bene supremo, l’attore principale, non siamo noi che facciamo solo girare le ruote ma il profitto e l’efficienza. Non c’e’ molto tu possa fare, finche le cose funzionano cosi. Una persona non si puo’ opporre al flusso delle cose, come uno scoglio non si oppone alla marea.
Nella vita privata pero’ devi lavorare per una, anche parziale, ricostruzione dei rapporti umani anche se, ti capisco, ti senti al pari mio diviso al tuo interno, spaccato tra bene e male, eroso dalla cattiveria che devi quotidianamente affrontare, gestire e metabolizzare.
Ma non c’e molto da fare se non assumere questa dicotomia invece di nascondersela e viverla al meglio che si puo’. Di nuovo, una persona da sola non puo’ cambiare il mondo.
Solo che la capacita di metabolizzazione non e’ infinita dopo un certo punto la cattiveria deborda ed invade ogni ambito, per quanto tu cerchi di controllarla.

Luna storta
Non condivido il tono perentorio, quasi accusatorio verso una persona che espone e suoi drammi, dei quali soffi l’idea, nemmeno tanto nascosta, che sia lui stesso la causa.
Non esiste comunicazione.
Se i tuoi dipendenti parlano slle spalle vuol dire che non sanno. Ma non sanno perche? Perche tu non parli.


Parla e risolvi.. fatti ascoltare e tutti saranno con te.. capisci e sarai capito, ascolta e sarai ascoltato. Fai cosi e tutto si risolve, siamo tutti buoni solo te non lo vedi.
Ma dove? In quale favola? In quale mondo parallelo e non convergente?
Lo sai quante volte ci avra’ provato? L’ho fatto pure io, con il cuore in mano e tutta l’umanita di cui sono capace. Lo sai cosa ho ottenuto? Provvedimento per comportamento antisindacale! Non avrei dovuto interfacciarmi direttamente con i dipendenti ma solo tramite i sindacati e attraverso la rappresentanza sindacale. Cattivo che sono stato a parlare dei miei problemi e di quelli dell’azienda!

Quanto di te sanno i tuoi dipendebti? E quabto tu sai di loro?
Un dipendente che non si sente valorizzato lavorerà la metà di quello che dovrebve.

Forse. Quindi valorizziamolo con qualche pacca e due sorrisi e tre parole cosicche lavori di piu?? Come la carezza all’asino che fa girare la ruota della macina? E’ questa il tuo concetto di umanita? Valorizzare per produrre di piu? Mah

Il motivo? Hai cosi tante cose per ls testa e corri cosi tanto che forse non fai mai dei complimenti a chi ha fatto qualcosa per te.

Facile fare complimenti quando per 20 ore sei sotto tiro e alla gogna. Davvero facile, viene spontaneo

La tua azienda non potrebve star su senza i dipendenti ma se il capo non ha testa allora crolla tutto.
Aziende chiudono perchè non c'e collaborazione tra chi gestisce e chi esegue.


Ah, ma guarda. E io pensavo che il problema fosse uno stato ladro ed inefficiente e non cooperativo, una burocrazia arretrata e asfissiante, una concorrenza sleale da parte chi non rispetta nessuna regola ed un sistema che si alimenta in correità, una scuola che vive in una sua “bolla” ideale tagliata quasi da ogni contatto con reale, una mancanza di infrastrutture ma soprattutto un assenza di legami culturali che porta al punto di non sentirsi mai un popolo (o una azienda!) ma tante unita a se stanti, pronte a darsi battaglia e\o a svendersi per due lire! homo homini lupus

Bastano due chiacchere tra su e giu come tu dici e tutto si risolve? Che bello, pensavo peggio. Via, allora c’e’ speranza.


Chi gestisce se non ce la fa deve chiedere aiuto invece di stare dalla madre.
Ah si? A ma a chi? Se lo sai dimmi, che telefono anche io.

E poi certo, che cattivo che perde tempo con sua madre invece di fare un bel po di riunioni in azienda. Phua, ma che gente spietata in Veneto!

Vuoi salvare la tua azienda, la tua vita o tua madre?

Perche le 3 cose si escluderebbero a vicenda??? Non dovrebbe lottare per tutte invece?
Selglie quindi la madre o l’azienda?
Salva l’azienda, manda in malore la madre e si tiene la vita?
Cura la madre, chiude l’azienda e si rovina?
Scappa, si gode la vita e manda al diavolo entrambe?

Gli consigli te qualcosa?
Ciao
  • 0

anonimopratese
Amico level one
 
Stato:
Messaggi: 19
Iscritto il: 30/10/2016, 6:48
Località: Prato
Citazione: nihil est in intellectu quod prius non fuerit in sensu, nisi intellectus ipse
Genere: Maschile

Prossimo

Torna a Bisogno di sfogarsi su Problemi in genere

Chi c’è in linea in questo momento?

Visitano il forum: Nessuno e 2 ospiti

cron
Reputation System ©'