Se stai soffrendo, ti prego di leggere fino in fondo.

:) Semplicemente dare spazio alle proprie piccole felicità.
Cerchiamo di sfruttare questo forum per dare alla gioia l'importanza che merita e condividiamo i momenti e le cose che ci rendono felici.
Da quando veniamo al mondo, nasciamo dotati di un potere immenso. Il solo trovarci a questo mondo con questa tecnologia e medicina avanzata, è tutto frutto della fantasia, della tenacia e della fiducia in se stessi di bambini che sentivano di essere inarrestabili e che hanno lasciato andare la propria immaginazione e invettiva a briglie sciolte, e questi di oggi sono i risultati! Anche noi possiamo seguire i nostri veri ideali, la nostra spinta vitale autentica e ottenere risultati esorbitanti.
Cambiamo tutto ADESSO!

Se stai soffrendo, ti prego di leggere fino in fondo.

Messaggioda RESCUER IN THE DARK » 30/06/2018, 12:48



È difficile trovare parole che possano davvero raggiundere un depresso, un morto che cammina.
Quasi impossibile.
O, almeno, per me era così.
«La sua storia è diversa! I suoi problemi si potevano risolvere! I miei no.»
Qualunque successo vedessi, o anche insuccesso, ero fermamente convinto che fosse vano, un mondo distinto dal mio.
Non nutrivo alcuna speranza e, quel che è peggio, nessun interesse nell'avere speranza.
Quindi a te che leggi queste parole, ti capisco se penserai che qualunque cosa io possa dire non si applica a te.
Tu sei una persona unica e la tua storia è solo la tua storia. Lo so.
Ma spero per te tu possa fare questo sforzo, nonostante il tuo malessere, e provare a immaginare, anche solo per poco, che qualche punto comune possa esserci, che la tua situazione sia, se non risolvibile, quantomeno migliorabile.

Adesso sto relativamente bene, ma non ho dimenticato cosa vuol dire non avere neanche la forza di alzarmi dal letto la mattina.
Cosa vuol dire vivere in un mondo di tenebre così fitte che la stessa luce del sole pare un'invasione, un fastidio.
Vivere e non vivere.
Semplicemente trascinarsi in un esistenza vuota, aspettando la morte fisica di un guscio vuoto che un tempo aveva contenuto un'anima.
Ho trascorso così anni, pianificando il suicidio; cercando il luogo, il modo. Avevo fatto testamento.
All'apice del mio dolore, ho sentito addosso l'inferno. Pareva che la mia stessa anima - quel che ne rimaneva - stesse andando a fuoco. Quelli in particolare, sono stati giorni terribili, interminabili. Ogni minuto è stato agonia lunga un'eternità.
Non auguro un simile dolore nemmeno a chi s'è approfittato della mia condizione e mi ha sfruttato malamente per anni.
Non è qualcosa che avrei potuto immaginare prima di averlo provato sulla mia pelle.

Ero pronto a farlo. Avevo preparato l'occorrente e pianificato ogni cosa per anni. L'ho quasi fatto.
Eppure sono qui a raccontarlo ora, e quella pare la vita di un altro.

Se mi sono iscritto a questo forum, quattro anni fa, era soprattutto perché speravo di trovare dei sopravvissuti che potessero aiutarmi, spiegarmi come erano riusciti a sfuggire al buco nero che si erano portati dentro.
Non ne ho trovati.

Spero, allora, di poter essere io di supporto ad eventuali altre persone in cerca di aiuto come lo ero io.
Ecco quindi il cosa mi ha fatto sopravvivere.

Ad un passo dal baratro, ho guardato in faccia il nulla che mi attendeva.
Liberazione? Sì... ma anche no.
La quiete che agognavo, non l'avrei percepita. Sarei solo svanito, senza alcuna possibilità di miglioramento.
Avrei voluto urlare così forte da distruggere il mondo.
Mi sono visto con le spalle al muro, sconfitto fino alla fine, senza via di scampo neanche nella morte.
E mi sono dovuto arrendere.
Arrendere alla vita.

Mi sono arreso a fare ciò che per anni mi ero rifiutato di fare: chiedere aiuto.
Non tanto per orgoglio, quanto soprattutto per rassegnazione. Ero assolutamente certo che niente all'esterno di me potesse salvarmi, che nessuno potesse far niente.
E in luce di questa "verità", non avevo mai chiesto aiuto a nessuno, perché non volevo che al dolore per il mio suicidio si aggiungesse il pensiero di non essere riusciti ad aiutarmi. Sarei morto da solo, senza che nessuno sapesse perché.

Accettare l'aiuto degli altri è fondamentale.
Terrorizza dover ammettere di stare male al punto di desiderare la morte.
E se non capissero? E se sminuissero il mio dolore?
Purtroppo il rischio c'è.
È importante trovare una persona affidabile, che si tratti di un amico, un conoscente o un professionista.
Come si dice per molte cose: il primo passo è ammettere di avere un problema, ammettere di aver bisogno di sostegno.
Non c'è vergogna in questo.

Appurato ciò, ho riflettuto molto sulla mia vita. Sui legami e le delusioni che ne sono derivati.

La conclusione più importante a cui sono arrivato è che dovevo ridimensionare le mie aspettative.
Nei confronti di cose e persone.
Ho sempre vissuto seguendo una morale elevata, dando il massimo, seguendo i miei ideali di giustizia.
Così facendo, le inevitabili "ingiustizie" della vita (che potevano essere anche cose come un amico che mi dice «Organizziamoci per vederci, qualche volta!», salvo poi non farsi più vivo) le ho sempre percepite come molto più grandi di quanto non fossero.
Faccio ancora questo errore, alle volte: tutt'ora sono triste perché una persona a cui tengo non ha tenuto in considerazione i miei desideri quanto avrei voluto.
Adesso, però, sono più consapevole di questa trappola mentale che mi tendo da solo e non me ne faccio risucchiare quanto prima.

Ogni persona percepisce il mondo in modo diverso e non sempre i torti che percepiamo sono atti di cattiveria.
Accettare di non essere amati nel modo (e purtroppo anche nella quantità) che vorremmo è, temo, qualcosa di indispensabile ad un sano vivere.
Adesso che sono "di nuovo vivo", mi ritrovo ad avere impegni e non riesco a trovare tempo da dedicare ad ogni persona che conosco. Non tutti possono essere al primo posto per me, ma questo non vuol dire che non tenga a certe persone; a ruoli inversi, ora capisco che, quando mi sentivo ignorato da tutti, indesiderato, la mia chiave di lettura era distorta. Probabilmente non ero al primo posto per nessuno, di questo ne sono quasi certo.
Ma questo non significa che non fossi, almeno in parte, amato.
E ti prego, sconosciuto, se stai ancora leggendo queste mie parole, prova a mey da parte l'orgoglio. È difficilissimo ammettere di non avere il controllo di sé, delle proprie percezioni. Ammettere che c'è un filtro nero davanti ai nostri occhi e al nostro cuore che ci fa vedere le cose in maniera errata.
Se soffri di depressione, prova a credermi quando ti dico che ciò che pensi sia vero è filtrato dal tuo malessere.

Molte delle persone qui sono involontariamente artefici del proprio dolore. Sicuramente la vita ha dato loro delle brutte botte, esperienze più o meno dolorose, ma è il loro stesso atteggiamento nei confronti della vita (dettato dallo stato depressivo) a fregare davvero.
Ci sono errori comportamentali che facciamo senza rendercene conto.
Atteggiamenti negativi che andrebbero eliminati (o ridimensionati) per poter stare meglio.

Altra cosa importantissima che ho realizzato è l'importanza di uscire di casa, di alzarmi dal letto.
Facile a dirsi, lo so. Richiede uno sforzo sovrumano, quando si vorrebbe solo morire.
Focalizzarsi su qualcosa, qualsiasi cosa, è fondamentale. E qui davvero non ho idea di come possano le mie parole raggiungerti, perché so per certo che non avrebbero raggiunto me.
Non c'era più niente che mi donasse vera soddisfazione, vera gioia di vivere. Tutto appariva vano, vuoto, squallido.
Uscire di casa? Per andare dove?
Per fare cosa?
A che pro?
Lo so.
Nel mio caso, paradossalmente è stato lo studio. Lo stesso studio che mi ha tolto la gioia di vivere e mi ha fatto sentire in trappola al punto da farmi mandare in frantumi la mia intera esistenza.
Sto stringendo i denti e sto lottando, giorno dopo giorno, tenendomi impegnato coi miei doveri, alzandomi presto e sudando.
Servirà a qualcosa?
Sarò sincero: ne dubito.
Non credo che i titolo di studio che (forse) otterrò, con estremo ritardo, mi darà un vero futuro. Possibilmente da qui a qualche anno sarò sotto un ponte.
Ma serve davvero a qualcosa focalizzarsi su come le cose potrebbero andare male?
Non tenere in considerazione le evenienze negative è da sprovveduti, questo è sicuro, ma per andare avanti bisogna seguire la strada lottando per ogni minima possibilità di successo.
Ciò che so è che, seppur il futuro sia ancora un grosso punto interrogativo avvolto dalle tenebre, il presente è diventato assai più sopportabile.

Non ti conosco e non posso sapere cosa può spronarti ad andare avanti. Nessuno lo sa meglio di te.
Posso solo consigliarti di cercare qualcosa. Che sia un lavoro o un hobby... qualcosa che ti dia quel po' di gratificazione che ti sproni ad uscire di casa.

Uscire dal guscio, in qualsiasi modo, è fondamentale. Le persone sono lì fuori.
Molte sono "cattive", nel senso che non saranno esperienze positive per noi, ma a volte una singola amicizia fortuita può fare la differenza. Da una persona se ne può conoscere un'altra e chissà che, da amicizie superficiali, non si possano scoprire anime a noi affini, che ci rendano l'esistenza più gradevole.

Ve lo auguro di cuore, perché so quanto sia orribile la depressione.

Purtroppo non ho molto tempo da dedicare a questo forum. È un enorme buco nero pieno di anime in pena.
È una negatività pesante, che mi ha tolto molte energie, ai tempi.
Sono dovuto scendere a patti con l'idea che non posso salvare tutti.
Probabilmente non posso salvare nessuno, ma provo comunque a tendere una mano.

Mi scuso per qualunque persona possa sentirsi trascurata e se non dovessi rispondere con tempestività ad eventuali messaggi qui sul forum.
Qualora qualcuno avesse bisogno, sappiate che i messaggi privati mi arrivano per forza, perché ricevo le notifiche direttamente sul cellulare tramite le e-mail, quindi usate pure quelli, in caso.

So che le mie parole non sono molto - sono vane speranze - ma spero che possano raggiungere qualcuno e infondergli speranza.
Non credevo di poter essere felice.
Mi son dovuto ricredere.

Un saluto, Y.
  • 8

Avatar utente
RESCUER IN THE DARK
Amico level nineteen
 
Stato:
Messaggi: 1024
Iscritto il: 13/08/2014, 20:27
Citazione: 天の光は全て星。
Genere: Maschile

Se stai soffrendo, ti prego di leggere fino in fondo.

Messaggioda TheDarkKnight » 30/06/2018, 13:32



A me hanno proposto quasi per scherzo l'iscrizione in una palestra vicino a dove lavoro, l'idea di diventare una sorta di the rock mi stuzzica, ma so che dovrei fare parecchio lavoro dal punto di vista alimentare e soprattutto conservare un po' di energia ogni giorno per convogliarla in una simile attività cosa al quanto difficile visto la mansione che faccio. C'è poi da considerare il cambio di stile di vita e abitudini per rendere il tutto fattibile. Non so, oggi ho la coscienza di essere solo e di voler fare qualcosa di appagante ma di non aver poi tutto quel tempo che potrebbe servire per renderlo possibile.
  • 0

“Con suo disappunto, non poter scegliere il proprio percorso è la triste condizione dell’uomo. Gli è solo dato di scegliere come atteggiarsi quando il destino chiamerà sperando che non gli manchi il coraggio di rispondere”.

"...tu per loro sei solo un mostro come me..."

"Sono cambiato, mi sono abituato, sono un sopravvissuto."

"Se Dio non può sconfiggere il male allora non è onnipotente,
Se può sconfiggerlo e non vuole farlo allora Dio è malvagio,
Se invece non vuole e non può farlo allora perché chiamarlo Dio???"


"Ho provato a essere come loro. A vivere come loro. Ma finisce sempre nello stesso modo.Mi hanno portato via tutto."

"Combattere per sopravvivere, come se foste già morti; lottare per la vittoria, come se foste già sconfitti"

Immagine :shifty:
Avatar utente
TheDarkKnight
Amico level fifteen
 
Stato:
Messaggi: 711
Iscritto il: 27/11/2013, 14:50
Località: Inferno
Citazione: "Batman è l'eroe che Gotham si merita, ma di cui non ha bisogno in questo momento… Perché lui può sopportarlo… È un vigilante che vaga nell'ombra… È un Cavaliere Oscuro."
Genere: Maschile

Se stai soffrendo, ti prego di leggere fino in fondo.

Messaggioda alienunicorn » 30/06/2018, 13:36



E' bello questo messaggio e secondo me di grande utilità per tanti, ora quali sono le prossime sfide e vette da conquistare?
  • 0

Avatar utente
alienunicorn
Amico level one
 
Stato:
Messaggi: 35
Iscritto il: 20/06/2018, 18:34
Località: Terra
Citazione: Il mondo é bello perché é avariato
Genere: Femminile

Se stai soffrendo, ti prego di leggere fino in fondo.

Messaggioda SullaLuna » 05/07/2018, 21:14



Grazie per il messaggio. Sei una bella persona. Sono sicuro che la vita ti ricompenserà.
  • 0

SullaLuna
Amico level one
 
Stato:
Messaggi: 30
Iscritto il: 05/07/2018, 19:04
Località: Luna
Genere: Maschile

Se stai soffrendo, ti prego di leggere fino in fondo.

Messaggioda Nuria Monfort » 07/07/2018, 19:18



RESCUER IN THE DARK ha scritto:Non tutti possono essere al primo posto per me, ma questo non vuol dire che non tenga a certe persone; a ruoli inversi, ora capisco che, quando mi sentivo ignorato da tutti, indesiderato, la mia chiave di lettura era distorta. Probabilmente non ero al primo posto per nessuno, di questo ne sono quasi certo.
Ma questo non significa che non fossi, almeno in parte, amato.


Quanta verità.
Questo è un concetto che ho compreso molto tempo dopo essere uscita dalla mia depressione. Nel momento in cui si arriva ad avere una consapevolezza simile, diventa tutto molto più chiaro e semplice e ci si rende conto di aver sofferto enormemente per un comportamento che, in effetti, fa parte di ogni persona. Non essere la priorità non equivale necessariamente ad essere ignorato o indesiderato. E pensare che, prima di stare tanto male, mi comportavo, inconsapevolmente, anche io così con molte persone.
  • 0

Avatar utente
Nuria Monfort
Amico level one
 
Stato:
Messaggi: 15
Iscritto il: 02/07/2018, 22:08
Località: Lazio
Citazione: "La paura d'esser preso per mano, che ne sai"
Genere: Femminile

Se stai soffrendo, ti prego di leggere fino in fondo.

Messaggioda Stevie » 13/07/2018, 15:20



Quante cazzate cazzate non ce la faccio nemmeno a leggerlo tutto perchè poi mi girano i 3/4 la gente è str***a se ti percepiscono come un diverso come uno di livello inferiore ti trattano da tale e se il problema non lo risolvi in toto e non mi accontenterò mai di una situazione migliorabile perchè NON ESISTERà MAI non avrai mai una vita normale con amicizie e fidanzamenti ti potrai accontentare solo di persone del tuo stesso livello. Quando tu aspiri qualcosa di più. Non voglio uscire di casa, non voglio fare niente, se non posso avere una vita normale voglio solo stare da sola, o svanire la vita non ha senso, se non si hanno delle amicizie che ti soddisfano o un ragazzo. E non credo che al mio problema ci sarà mai una soluzione. Non potrò mai avere una vita normale.
  • 0

"Tu mi ricordi una ragazza che ti somigliava molto. Fingeva sempre di essere forte per poi mettersi a piangere di nascosto."
- Detective Conan "Il Diario: Prima Parte" -
Avatar utente
Stevie
Amico level eight
 
Stato:
Messaggi: 383
Iscritto il: 26/06/2018, 16:33
Località: Italia
Occupazione: Inoccupata
Citazione: "Non sono le nostre capacità a dimostrare chi siamo, sono le nostre scelte" [Cit: di Silente - Harry Potter]
Genere: Femminile

Se stai soffrendo, ti prego di leggere fino in fondo.

Messaggioda Ensō » 13/07/2018, 16:10



Grazie Y, grazie di cuore per la tua testimonianza.
Se tempo addietro avessi trovato una persona speciale come te, avrei evitato di procurami e procurare tante sofferenze.
Purtroppo è andata come andata ma l'ho considerata un'esperienza, una lezione di vita.
Certo, non puoi aiutare tutti, però pensa, anche una sola parola detta al momento giusto, per qualcuno potrebbe essere molto e potrebbe fare molto.
Grazie di tutto. Grazie per essere quello che sei.
  • 0

Avatar utente
Ensō
Amico level nineteen
 
Stato:
Messaggi: 954
Iscritto il: 26/09/2016, 8:30
Località: Lombardia
Citazione: La vita non è né brutta né bella, ma è originale.

"La coscienza di Zeno" Italo Svevo.
Genere: Maschile


Torna a Forum sulla Gioia e sul Potere personale

Chi c’è in linea in questo momento?

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite

Reputation System ©'