Metodi di suicidio - suicide options possible

tratto da wikipedia

MyHelp: Forum di mutuo aiuto, di prevenzione del suicidio e di gestione delle crisi.
A volte si pensa di non aver più nulla da perdere, nè più motivi di esistere.
E' facile pensarlo se non si ha qualcuno con cui confrontarsi. La vita è piena di insidie, ed è facile perdersi. Ma spesso basta una mano per rimettersi in piedi.
Ma questo è anche un forum sulla Morte, il più grande tabù nella storia dell'essere umano, la paura più grande.

Metodi di suicidio - suicide options possible

Messaggioda Royalsapphire » 16/11/2012, 23:17



Ciao!




Che posso dire... qual è il miglior metodo di suicidio?
Questa è una domanda che sicuramente hanno fatto molte persone che hanno contemplato il suicidio. Ma è la domanda sbagliata! La domanda giusta è: come faccio a risanare il dolore che ho dentro?
Pensare a un metodo di suicidio è un sintomo, molto probabilmente di depressione.


Il suicidio non è mai la risposta giusta.

AAA: Ovviamente, se avete intenzione di suicidarvi e siete capitati in questa pagina a tale scopo, quello che vi voglio dire è: PARLIAMONE! Parliamo dei vostri problemi e cerchiamo una soluzione. Non sto scherzando! Capisco che ci avrete pensato da giorni o da mesi e che siete arrivati alla conclusione che non esistano altre vie d'uscita, ma vi assicuro che non è così! E' solo che quando stiamo male e non abbiamo nessuno accanto, non riusciamo a vedere soluzioni! Anche se non le vediamo, le soluzioni ci sono però!
Quindi coraggio, entrate in questo forum e apritevi senza paura. Parlate a ruota libera. I vostri motivi non saranno mai banali per nessuno, e nessuno oserà giudicarvi, ma vorrà solo starvi vicino.
Tutti meritano di avere qualcuno accanto, nei momenti disperati della vita. Tutti!!




Non continuare a leggere. Piuttosto guarda in alto a destra, iscriviti al forum e dai a te stesso un'altra possibilità! Ad esempio la compagnia e lo spazio per sfogarti che ti sono mancati!










Ecco l'articolo:

METODI DI SUICIDIO


1) Dissanguamento mediante taglio delle vene o dell'arteria carotide.

Il dissanguamento consiste nel raggiungere la morte mediante la perdita di sangue. Esso consegue di solito a una ferita a carico di una arteria. La carotide, l'arteria radiale, quella ulnare o femorale sono maggiormente interessate da questo tipo di ferite. Esemplare caso di suicidio per dissanguamento, completato poi dall'ingestione di cicuta e da un bagno caldo per aumentare la fluidità del sangue, fu quello del filosofo stoico Seneca.


2) Taglio delle vene

Il taglio può attraversare il polso e danneggiare i tendini, i nervi ulnare e mediano, che controllano i muscoli della mano, causando una riduzione temporanea o permanente a danno delle abilità sensitive e motorie. Non è un metodo immediatamente letale, poiché spesso viene danneggiata l'arteria e il dissanguamento mortale dovuto alla perdita di sangue venoso è più difficile e raro. Possono essere necessarie alcune ore per raggiungere la morte per dissanguamento.

Il suicidio tramite taglio delle vene, quando praticato a scopo dimostrativo, crea enormi problemi ai chirurghi della mano e ai neurochirurghi. I muscoli che muovono le ossa del carpo e del metacarpo si trovano nell'avambraccio, i loro tendini passano sotto i legamenti nel polso: il loro danneggiamento obbliga i chirurghi a "ripescare" i tendini prossimali (una decina) nell'avambraccio, riallacciarli a quelli distali e ricostruire le guaine che li avvolgono. Il danneggiamento del nervo mediano causa l'impossibilità di poter chiudere la mano e opporre il pollice e problemi di anestesia e/o parestesia del palmo della mano, (dell'eminenza tenar) e delle dita. Il danneggiamento del nervo ulnare causa l'impossibilità a muovere il mignolo e riduce la sensibilità dell'eminenza ipotenar. Quasi sempre queste procedure auto-lesionistiche provocano la persistenza di danni estetici e di disabilità permanenti.



3) Taglio dell'arteria carotide


Anche ferirsi tagliandosi la gola è metodo di dissanguamento. Il danno è inflitto all'arteria carotide comune, che porta il sangue al cervello, e la morte sopraggiunge entro pochi minuti, anche se può derivare in realtà dall'ostruzione della trachea dovuta all'emorragia. Le persone che compiono questo gesto spesso finiscono per tagliare il nervo laringeo ricorrente che innerva le corde vocali e la laringe, perdendo la voce. Tale metodo è anche utilizzato come suicidio rituale in Giappone da parte delle donne nobili, con gli stessi intenti del seppuku adottato dagli uomini.


4) Combustione- che consiste nell'atto di darsi fuoco da soli, spesso adoperando benzina.
Suicidio mediante il fuoco.


Ci sono molti casi documentati relativi all'uso di questo metodo come azione di protesta pubblica e spettacolare, particolarmente nei confronti di regimi repressivi. Tra questi, il caso di Thích Quảng Đức, uccisosi col fuoco a Saigon per protesta contro il presidente del Vietnam del Sud, poi seguito da altri bonzi o di Alfredo Ormando, lo scrittore che il 13 gennaio 1998 si diede fuoco in piazza San Pietro (morì dieci giorni dopo) per denunciare le discriminazioni della Chiesa Cattolica nei confronti degli omosessuali.

Uccidersi dandosi fuoco può comportare un tempo di diversi minuti o addirittura diverse ore, rendendolo terrificante. La morte può scaturire dall'inalazione di fumo, dallo shock, dal tessuto polmonare carbonizzato o, dopo un periodo di giorni, dal cedimento strutturale dell'organismo. Le persone che sopravvivono possono soffrire di estese ustioni.



5) Affogamento

Il suicidio per affogamento consiste nell'atto di immergersi nell'acqua o in altri liquidi e di restarvi immersi così a lungo da provocare l'apnea e la conseguente asfissia, privando il cervello dell'ossigeno. L'acqua arriva fino alla laringe, dove l'epiglottide si chiude ermeticamente, rendendo così impossibile il passaggio di fluidi e aria. L'acqua infatti tende a riempire i polmoni in un secondo momento, quando la morte è già sopraggiunta ed ogni riflesso (come ad esempio quello di serrare l'epiglottide) è annullato. Come negli altri casi di soffocamento, se l'affogamento è interrotto prima della morte, la mancanza di ossigeno può provocare danni al cervello. Si tratta di un metodo di suicidio praticato raramente, perché richiede una notevole fermezza da parte di chi lo attua. Più spesso, l'affogamento avviene come conseguenza ultima di un suicidio più complesso, quale quello di chi si lancia fra le onde del mare oppure si getta da un viadotto posto su un fiume; in questi casi è frequente che la perdita di conoscenza dovuta alla caduta e all'impatto con l'acqua preceda e renda inevitabile il successivo affogamento.



6) Folgorazione

Il suicidio mediante folgorazione consegue all'uso di uno shock elettrico per uccidersi. Una tensione elettrica (voltaggio) sufficientemente elevata può sopraffare la resistenza elettrica della pelle e infliggere una potente scarica di corrente elettrica a tutto il corpo; una forte corrente alternata attraverso il corpo può seriamente corrompere i segnali nervosi e indurre il cuore in fibrillazione. Questo meccanismo è alla base del funzionamento della sedia elettrica, strumento usato per le condanne a morte per elettrocuzione.



7) Esplosivi

Il suicidio mediante l'uso di esplosivi comporta l'introduzione di esplosivi in orifizi del corpo o posti in prossimità del proprio corpo. Una quantità adeguata di esplosivo può causare la morte istantanea, nella maggior parte dei casi riducendo il corpo in pezzi. Negli altri casi la morte sopravviene a causa delle ustioni, del dissanguamento o delle emorragie interne.


8) Impiccagione - Suicidio mediante impiccamento col lenzuolo (è il preferito insieme al taglio delle vene)

L'impiccamento è un'azione di asfissia per sospensione. Consiste nell'auto sospensione mediante una corda fissata a un oggetto rigido al di sopra della testa, mentre l'altra estremità è annodata intorno alla testa. Il peso del corpo permette alla corda di spostare in alto e in dietro l'osso ioide e la base della lingua, causando asfissia che conduce a morte. Prima dell'exitus può contribuire alla perdita di coscienza la temporanea interruzione della circolazione carotidea, dovuta allo stringersi della corda attorno al collo: non è questa la vera causa di morte perché il cervello verrà comunque irrorato dalle arterie vertebrali, collocate posterioriormente e perciò non pregiudicate dalla posizione dell'impiccato.

L'impiccamento può essere totale, se il corpo pende senza alcun appoggio, o parziale, se invece una qualche parte del corpo può comunque trovare appoggio, quando il suicida non ha valutato bene il suo teatro d'azione o ha l'intenzione conscia o inconscia di "resistere" fino all'arrivo di eventuali soccorsi. L'impiccamento inoltre può essere ortotopico, con nodo in posizione nucale, simmetrico, con nodo in posizione anteriore, nasale o asimmetrico, con nodo in altra posizione; ognuna di queste situazioni comporta ulteriori lesioni diverse, permanendo però il medesimo meccanismo di morte.



9) Salto nel vuoto(dicono che il metodo di suicidio indolore)

La caduta da una grande altezza può danneggiare l'organismo fino a condurlo alla morte. Se una persona si lancia da un ponte molto alto direttamente nell'acqua, la morte può sopraggiungere per l'impatto piuttosto che per l'affogamento.

Solitamente l'auto-precipitazione contro una superficie solida provoca la morte per emorragia, quando in seguito a fratture multiple, le ossa assumono profili taglienti che lacerano arterie, vene e organi vitali, oppure per sindrome da schiacciamento, per la forte compressione che causa la rottura delle fibre muscolari), con liberazione nel sangue di un'abnorme quantità di elettroliti, come potassio, calcio, o di proteine, come mioglobina.

Un caso a parte è il trauma cranico, che può portare a morte dopo pochi minuti di incoscienza o di penosa agonia in seguito allo spargimento di ossa, pelle e materia cerebrale frammista ad una pozza di sangue (il sangue esce in pressione, a fiotti) attorno alla superficie di impatto. Anche se la calotta cranica rimane integra, l'encefalo può comunque venire danneggiato per l'impatto, andando a sbattere contro l'interno della scatola cranica (commozione cerebrale, contusione e in seguito edema cerebrale). Molto spesso si verifica la frattura della colonna vertebrale e/o del midollo spinale, che a seconda del punto in cui avviene causa paraplegia (paralisi spastica delle gambe) o tetraplegia (paralisi spastica dei quattro arti).

La rottura delle costole può provocare la perforazione della pleura con duplice pneumotorace aperto, che provoca l'immediato collasso dei polmoni (si sgonfiano) seguito da collasso cardio-circolatorio e morte in pochi minuti.



10) Avvelenamento

Il suicidio può avvenire mediante l'assunzione di sostanze tossiche per l'organismo umano oltre una determinata quantità. Vi sono numerose sostanze velenose, suscettibili di provocare un suicidio per avvelenamento laddove assunte in dosi adeguate.

Avvelenamento da monossido di carbonio: Un particolare tipo di asfissia consiste nell'inalazione di alti livelli di monossido di carbonio. La morte di solito sopraggiunge per intossicazione, poiché i globuli rossi creano un legame chimico più forte con la molecola di CO (monossido di carbonio) di quanto facciano con l'ossigeno, il complesso chimico è chiamato Carbossiemoglobina. Il monossido di carbonio è utilizzato perché è facilmente accessibile quale prodotto di una combustione incompleta: per esempio, è rilasciato dalle autovetture e da altri mezzi di trasporto come prodotto di scarico. Il monossido di carbonio è un gas inodore e incolore, perciò la sua presenza non può essere riconosciuta alla vista o all'olfatto, arreca danni all'organismo umano poiché le sue molecole si legano irreversibilmente all'emoglobina del sangue, rimpiazzando le molecole di ossigeno e abbassando progressivamente il livello di ossigenazione del corpo umano fino alla morte.

Nel passato, prima che esistessero sistemi di regolazione della qualità dell'aria e marmitte catalitiche per gli scarichi delle auto, il suicidio mediante avvelenamento da monossido di carbonio era spesso ottenuto mantenendo acceso il motore del veicolo all'interno di uno spazio chiuso come un garage, oppure dirigendo il fumo di scarico del motore all'interno del veicolo mediante un tubo flessibile. Attualmente l'incidenza dei suicidi mediante intossicazione all'interno di spazi chiusi sembra essersi ridotta.



11) Overdose di farmaci (metodo comune tra i VIP)

Il suicidio mediante overdose di farmaci è un metodo che comporta l'assunzione di dosi enormemente superiori ai livelli prescritti, oppure l'assunzione di combinazioni di farmaci che possono avere, nell'insieme, effetti letali. L'overdose può essere ulteriormente aggravata dalla commistione dei farmaci con alcool o stupefacenti e/o dalla eventuale macinazione fine dei farmaci in pillole, rendendo così quasi immediatamente disponibili all'organismo i principi attivi. A causa dell'indeterminabilità da parte del suicida della dose di farmaci effettivamente letale, la morte è una conseguenza incerta, e il tentativo di suicidio può finire con la sopravvivenza della persona ma con severi danni all'organismo. I farmaci che di norma vengono assunti per via orale possono essere espulsi mediante il vomito prima che ne avvenga l'assorbimento. Nei casi di tempestivo intervento sanitario, la lavanda gastrica è il metodo prevalentemente usato per arrestare il tentativo di suicidio. Proprio a causa della facile reperibilità dei farmaci necessari, questo metodo suicida è fra i più frequentemente adottati, in particolare dalle persone che già si sottopongono a cure psicofarmacologiche e perciò dispongono di notevoli dosi di sostanze psicoattive. In alcuni casi di questo tipo è difficile riconoscere l'intenzionalità suicida di chi ha assunto i farmaci, perché il confine fra l'atto terapeutico e il gesto autolesionista può essere piuttosto sfumato.


12) Overdose di droghe

Analoga alla morte tramite overdose di farmaci, ma caratterizzata da una intenzionalità suicida ancora più sfumata e difficilmente individuabile, è la morte causata da abuso ed eccesso di sostanze stupefacenti come l'eroina o i barbiturici. Spesso l'abuso non ha alla radice una volontà suicida, ma in alcuni casi, soprattutto quelli di chi fa uso in modo occasionale o improvviso di queste sostanze, il confine fra l'errore di dosaggio o di assunzione della sostanza e l'azione concretamente volta a togliersi la vita è di difficile demarcazione. Ovviamente dirime la questione la presenza di messaggi indicanti le intenzioni del soggetto.



13) Armi bianche

Il seppuku, più noto in Italia come harakiri (anche se in realtà sono due pratiche un po' differenti), è un metodo rituale di suicidio adoperato in Giappone, prevalentemente nell'epoca medioevale, anche se alcuni casi sporadici si ricordano anche nell'epoca moderna. Ad esempio, lo scrittore Yukio Mishima eseguì un seppuku nel 1970 dopo un colpo di stato fallito, con il quale intendeva restaurare il pieno potere dell'imperatore del Giappone. Il seppuku ha lo scopo prevalente di salvaguardare l'onore di chi lo compie. Il rituale fa parte del bushido, codice d'onore dei Samurai. Il suicidio rituale femminile si chiamava Jigai e consisteva nel taglio della vena giugulare del collo. Veniva utilizzato per salvare l'onore o per evitare uno stupro.


14) Armi da fuoco
Metodi di suicidio fra le persone nella fascia di età 15-19. L'uso delle armi da fuoco risulta prevalente come metodo di suicidio, negli Usa.
Il metodo di usare un'arma da fuoco per causare una ferita letale a se stessi viene adottato più frequentemente in quei paesi dove è facile disporre di tali armi ed è il metodo di suicidio più frequente negli USA. Negli stati dove le armi da fuoco sono meno reperibili viene adottato in particolare dalle persone che adoperano armi nel loro lavoro (soldati, guardie o poliziotti) o nel tempo libero (cacciatori o frequentatori di tiro sportivo al bersaglio). Alcuni studi hanno dimostrato che in Occidente gli uomini tendono ad usare questo metodo maggiormente rispetto alle donne e a ciò viene ascritta la ragione del maggior tasso di successo del sesso maschile nella pratica del suicidio. Gli uomini tendono a rivolgere l'arma verso la testa, le donne invece mirano al cuore.
  • 1

:tao: :rose: :mask: :luce: :home1:
Avatar utente
Royalsapphire
Admin
 
Stato:
Messaggi: 13110
Iscritto il: 12/11/2012, 18:07
Località: Svizzera
Occupazione: Farmacista e Counselor
Citazione: "Sii il cambiamento che vuoi vedere nel mondo" (Gandhi)
Genere: Femminile

Metodi di suicidio - suicide options possible,

Messaggioda Royalsapphire » 22/04/2014, 8:23



Più guardo questa pagina, e più mi viene in mente una domanda? Come mai, chi vuole suicidarsi, va su google a cercare il miglior metodo di suicidio?
Io credo che chi ha già pensato al suicidio non ci pensa un secondo a fare ricerche su internet perché sa già cosa vuole fare...
  • 3

:tao: :rose: :mask: :luce: :home1:
Avatar utente
Royalsapphire
Admin
 
Stato:
Messaggi: 13110
Iscritto il: 12/11/2012, 18:07
Località: Svizzera
Occupazione: Farmacista e Counselor
Citazione: "Sii il cambiamento che vuoi vedere nel mondo" (Gandhi)
Genere: Femminile

Metodi di suicidio - suicide options possible,

Messaggioda jaco » 22/04/2014, 9:09



forse hanno pauradi non riuscire o che qualcosa vada storto oppure un' altra cosa è il dolore....i metodi più famosi sono dolorosi e comunque non sempre sicuri al 100%
  • 2

jaco
Amico level one
 
Stato:
Messaggi: 19
Iscritto il: 21/04/2014, 9:55
Località: lost in time
Genere: Maschile

Metodi di suicidio - suicide options possible,

Messaggioda Royalsapphire » 22/04/2014, 9:15



...o forse hanno tutt'altro bisogno, quello di essere salvati da se stessi.
  • 7

:tao: :rose: :mask: :luce: :home1:
Avatar utente
Royalsapphire
Admin
 
Stato:
Messaggi: 13110
Iscritto il: 12/11/2012, 18:07
Località: Svizzera
Occupazione: Farmacista e Counselor
Citazione: "Sii il cambiamento che vuoi vedere nel mondo" (Gandhi)
Genere: Femminile

Metodi di suicidio - suicide options possible,

Messaggioda Shinji » 22/04/2014, 10:11



jaco ha scritto:forse hanno pauradi non riuscire o che qualcosa vada storto oppure un' altra cosa è il dolore....i metodi più famosi sono dolorosi e comunque non sempre sicuri al 100%

Nessun metodo è sicuro al 100% da quel che ne so
  • 0

It happens all the time...
...A melody in my head


A volte il silenzio è la miglior risposta...
Avatar utente
Shinji
Amico Top Level
 
Stato:
Messaggi: 2779
Iscritto il: 08/12/2012, 10:27
Località: La La Land,Monza. Ormai sono cittadino del Mondo
Occupazione: Complicarmi la vita
Citazione: You only need the light when it's burning low,
Only miss the sun when it starts to snow

Passenger - Let Her Go
Genere: Maschile

Metodi di suicidio - suicide options possible

Messaggioda Lapensatrice » 22/04/2014, 17:25



Alcuni vogliono essere sicuri di poter riuscire nel loro intento al cento per cento, altri vogliono essere salvati... Altri ancora vogliono entrambe le cose allo stesso tempo.
  • 7

Avatar utente
Lapensatrice
Amico level one
 
Stato:
Messaggi: 23
Iscritto il: 22/04/2014, 11:06
Località: Toscana
Citazione: Sono così felice perché oggi ho trovato i miei amici…. Sono nella mia testa. Sono così sgradevole, ma va bene, perché sei così tu…. Abbiamo rotto i nostri specchi. Domenica mattina è ogni giorno per quanto me ne importa….
E non ho paura.
Genere: Femminile

Metodi di suicidio - suicide options possible,

Messaggioda Davy Jones » 23/04/2014, 23:24



Royalsapphire ha scritto:Più guardo questa pagina, e più mi viene in mente una domanda: Come mai, chi vuole suicidarsi, va su google a cercare il miglior metodo di suicidio?
Io credo che chi abbia già pensato al suicidio non ci pensa un secondo a fare ricerche su internet perché sa già cosa vuole fare...

Io credo che spesso sia qualcosa che si cova dentro e che può emergere in alcuni momenti. A volte uno riesce ad allontanare il pensiero, altre volte torna ad esserne preda. E finché è un pensiero, anche il cercare il metodo del suicidio può essere un approcio all'idea in quei momenti in cui torni a pensarci, un addentrarsi in ciò che provi in quel momento. Poi magari, dopo averci pensato e aver anche cercato un metodo per porre fine alla propria vita, si desiste, ci si calma, si recupera lucidità, si cambia idea.

Bisogna inoltre considerare che esistono comunque diversi casi in cui il suicida ha pianificato tutto e quindi si è preso pure la briga di scegliere l'opzione per lui più opportuna, anche per l'atto finale.
  • 1

Avatar utente
Davy Jones
Amico level nineteen
 
Stato:
Messaggi: 1206
Iscritto il: 28/01/2013, 0:21
Località: Lombardia
Citazione: Amici? Tuoi amici? Se chiudi loro insieme in stanza senza cibo per una settimana... allora tu vedi cosa è amici!
Genere: Maschile

Metodi di suicidio - suicide options possible

Messaggioda DxShine » 24/04/2014, 2:05



Morire è cmq una fregatura, io ritengo che sia sempre l'attimo più doloroso esistente sulla faccia della terra... che tu sia cosciente o meno, lo senti fin troppo in ogni caso fisicamente. E' il respiro che viene a mancare, l'ossigeno in pratica, la vita stessa... Se potesse esistere l'alternativa indolore alla morte, senza doverci passare, sceglierei quella senza alcun dubbio!
  • 1

Last Dream, then Die!
Avatar utente
DxShine
Amico Top Level
 
Stato:
Messaggi: 1705
Iscritto il: 14/05/2013, 0:56
Località: Italia
Genere: Femminile

Metodi di suicidio - suicide options possible

Messaggioda Royalsapphire » 23/08/2014, 21:41



Ho notato solo ora le ultime risposte a questo thread.
Terribili i metodi di suicidio. Ma il sesto mi fa ancora più impressione: scegliere di togliersi la vita facendosi morire fulminati dalla corrente.
Il suicidio è già una cosa triste, ma la folgorazione mi impressiona... so che se è molto intensa, può far saltare tutto il sistema nervoso. Credo si soffra da matti. Accidenti a cosa porta la disperazione...
  • 2

:tao: :rose: :mask: :luce: :home1:
Avatar utente
Royalsapphire
Admin
 
Stato:
Messaggi: 13110
Iscritto il: 12/11/2012, 18:07
Località: Svizzera
Occupazione: Farmacista e Counselor
Citazione: "Sii il cambiamento che vuoi vedere nel mondo" (Gandhi)
Genere: Femminile

Metodi di suicidio - suicide options possible

Messaggioda birillo22 » 23/08/2014, 21:59



Royalsapphire ha scritto:Ho notato solo ora le ultime risposte a questo thread.
Terribili i metodi di suicidio. Ma il sesto mi fa ancora più impressione: scegliere di togliersi la vita facendosi morire fulminati dalla corrente.
Il suicidio è già una cosa triste, ma la folgorazione mi impressiona... so che se è molto intensa, può far saltare tutto il sistema nervoso. Credo si soffra da matti. Accidenti a cosa porta la disperazione...


tecnicamente penso che non sia dolorissima visto che la corrente viaggia tramite hz e anche la frequenza cardiaca si misura in battiti x minuto quindi presupponiamo di avere una corrente continua dovrebbe solo fermare i cuore senza altre conseguenze ma non e vero altra sera ho visto uno che ha preso la scossa e ha perso entrambi gli arti superiori erano abbrustoliti ^__^
  • 0

Baciarti e poi scoprire che l’ossigeno mi arriva dritto al cuore
Solo se mi baci te
E non sentire
Bisogno più di niente
Avatar utente
birillo22
Amico Top Level
 
Stato:
Messaggi: 2018
Iscritto il: 18/05/2014, 18:07
Località: qui e la
Citazione: fuori è magnifico si ma tu sei di più, tu soltanto tu il diminutivo di tutto
Genere: Maschile

Prossimo

Torna a Forum di aiuto sul Suicidio e sulla Morte

Chi c’è in linea in questo momento?

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite

Reputation System ©'