Quando si è due scarpe sinistre

L'autolesionismo non è spaventoso. È l'affinità al dolore. E' dar voce ai sentimenti che non riescono a uscire, per sentire il dolore che si ha dentro.
Spesso mosso dal senso di colpa e spesso da parte di chi è troppo duro con se stesso: "Finalmente posso punirmi".
Autolesionismo e masochismo, un immenso dolore che non riesce a uscire se non col sangue!
La sezione è nata per trovare, col dibattito, lo sfogo, e il proprio sentire, il problema alla radice o semplicemente per poter parlare di questo problema è sentirsi meno soli.

Moderatore: elle8n

Quando si è due scarpe sinistre

Messaggioda wavesequence » 25/02/2021, 17:57



La mia relazione affettiva ormai ha parecchi anni sulle spalle. Iniziata nel giugno del 1999, dopo un periodo abbastanza intenso da fidanzati, ho chiesto di prendermi una pausa di riflessione perché lei non voleva completare gli studi (che successivamente sarebbero risultati utili per un lavoro a tempo indeterminato) ed altre motivazioni minori. Dopo circa tre mesi di "silenzio stampa" lei ritornò alla carica ed io, forse perché mi ero reso conto che era l'unica donna ad aver dimostrato di amarmi veramente, accettai di riprendere la relazione, Così, dopo un periodo di studio reciproco, andammo a convivere verso la fine del 2001 e tutt'ora vivamo sotto lo stesso tetto.
Non le ho mai nascosto le mie inclinazioni al sadomasochismo, ai giochi di ruolo dove sia presente una figura dominante (femminilie) ed una sottomessa (maschile). Fondamentalmente trovo la sessualità tradizionale abbastanza noiosa e ripetitiva, almeno con la mia compagna che ha una visione abbastanza "limitata" dell'argomento. Non ho avuto molte donne nella mia vita, anzi devo dire che si contano sulle dita di una mano, ma la precedente aveva un livello di intraprendenza decisamente superiore e, non nascondo, che quelle poche volte che facciamo l'amore con la mia compagna... penso all'altra. 8-) A questo aggiungiamo che la compagna attuale ha delle preclusioni dovute ad un'educazione cattolica molto rigida e, per esempio, del cunnilingus non vuol sentirne nemmeno parlare, come quando si dedica (raramente) alla fellatio sembra abbia perfino paura di tenerlo in bocca per un secondo in più... Che tristezza! Non parliamo poi della penetrazione... pretende preliminari lunghissimi, che alla fine mi sfiancano e mi fanno passare la voglia. Insomma, siamo una coppia molto ben assortita, culturalmente parlando, abbiamo spesso le stesse idee, facciamo gli stessi pensieri, ma a livello sessuale siamo un disastro totale.
Ho cercato di vedere se potessimo rivolgerci ad un terapeuta di coppia, ma ho ricevuto un secco rifiuto. Non so più a che santi voltarmi.
Come se non bastasse, ho chiesto molte volte alla mia compagna di fare qualche gioco di ruolo, spesso finalizzato poi a raggiungere un'eccitazione che ci facesse finire a letto, ma a parte qualche rara volta (della quale conservo bei ricordi) non ci sono state tante occasioni.
Come dicevo nel titolo del post, siamo sessualmente parlando, una coppia mal assortita, perché siamo due scarpe sinistre. A lei non interessa questo ambito della sessualità, anzi oppone una resistenza passiva stile esercito russo con Napoleone, a me fare sesso "vanilla" come si direbbe interessa fino ad un certo punto. Il risultato di tutto ciò è che non si fà né l'uno né l'altro.
Ho deciso di rivolgermi ad una terapeuta per parlare di questo problema, anche se sono fermamente convinto che dovremmo affrontarlo assieme alla mia compagna con uno specialista che faccia da intermediario.
Da un lato sono convinto di non essere un malato pervertito da TSO, dall'altro vorrei che la mia compagna capisse quanto questo suo opporsi sia fonte di grande sofferenza. A meno che... proprio questo non sia il suo modo di essere sadica.
Ho riflettuto molto sulla possibilità di ritornare single e poi cercare una partner che possa assecondare le mie inclinazioni. Però vale la pena buttare al vento 20 anni di vita insieme? D'altro canto, vale la pena soffrire ancora?
  • 0

wavesequence
Amico level one
 
Stato:
Messaggi: 10
Iscritto il: 23/02/2021, 11:41
Località: Venezia
Citazione: Senza Musica la vita sarebbe un errore
- F. Nietzsche
Genere: Maschile

Quando si è due scarpe sinistre

Messaggioda Pleasure » 28/02/2021, 3:19



Per rispondere alla tua domanda finale, secondo me dipende da troppi fattori molto soggettivi.
Prova ad immaginare di trovare una partner che ti completi perfettamente sotto l'aspetto sessuale ma non negli altri aspetti come la tua compagna.. :mmm2:
  • 0

Pleasure
Amico level one
 
Stato:
Messaggi: 22
Iscritto il: 31/07/2020, 22:42
Località: Varese
Genere: Femminile

Quando si è due scarpe sinistre

Messaggioda FabFi » 19/04/2021, 13:08



In questi casi se si cuole salvare la coppia la cosa migliore e' separare il sesso dall'amore
  • 0

FabFi
Amico level six
 
Stato:
Messaggi: 280
Iscritto il: 09/04/2015, 15:41
Località: Firenze
Genere: Maschile


Torna a Forum di aiuto sull'Autolesionismo, Masochismo e Affinità al dolore

Chi c’è in linea in questo momento?

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite

Reputation System ©'