Giudizi affrettati e modo di concepire la vita

Spazio per psicologi, counselor, psicoterapeuti e tutti coloro che vogliono offrire - o ricevere - un servizio inerente alla psicologia e all'approccio empirico.
Database di articoli propri o tratti da libri e siti internet, ma anche temi a scelta dell'autore.

Giudizi affrettati e modo di concepire la vita

Messaggioda Ennon » 07/05/2020, 10:31



Ultimamente ho pensato a tutte quelle persone che quando ci hai a che fare fanno sempre paragoni sulla tua persona usando l'aggettivo "come te". Ora non so, sono io che non mi piace tanto essere paragonato agli altri ma se ad esempio io sono alto due metri e un altro un metro e cinquanta, essere paragonati in questo modo da fastidio, non è realistico e nemmeno vieni trattato per quello che sei.
Poi iniziano a dire che qualcuno ha qualcosa che tu non hai, e questo a volte è vero. Non vedo però il motivo che debbano sempre rinfacciarti i tuoi " insuccessi" nella vita e al tempo stesso, non fanno mai i complimenti. Sarò io che li debbo ignorare di più. Voi come la prendete in certi casi?
  • 0

Ennon
Amico level three
 
Stato:
Messaggi: 112
Iscritto il: 27/01/2020, 14:25
Località: Italia
Citazione: Tentar non nuoce
Genere: Maschile

Giudizi affrettati e modo di concepire la vita

Messaggioda Jam » 07/05/2020, 12:00



Essere paragonati continuamente ad altri significa vedersi negata quell'unicità che ciascuno di noi ha. Tutti siamo diversi e ognuno di noi ha qualcosa che altri non hanno. Per fortuna, mi vien da dire.
  • 0

Jam
Amico level two
 
Stato:
Messaggi: 93
Iscritto il: 13/12/2019, 19:16
Località: Emilia Romagna
Genere: Maschile

Giudizi affrettati e modo di concepire la vita

Messaggioda Navigator63 » 07/05/2020, 15:47



Ennon ha scritto:Ultimamente ho pensato a tutte quelle persone che quando ci hai a che fare fanno sempre paragoni sulla tua persona usando l'aggettivo "come te".

I paragoni sono spesso stupidi o senza senso, perché siamo tutti diversi.

Quindi paragonare due persone è spesso assurdo, ma tendiamo a farlo perché il paragone è una funzione cognitiva "euristica" (estrapolazione approssimativa ma rapida), che può servirci per interpretare la realtà: se sono nella giungla, paragonare a colpo d'occhio due animali mi aiuta a decidere qual è quello più pericoloso, e da cui fuggire. Questa funzione è rimasta con noi perché ci ha aiutato a sopravvivere.
Tutti facciano istintivamente paragoni: per esempio in una situazione sociale, mi viene da paragonare le donne presenti, per decidere quale mi può interessare di più (senza che nemmeno ci pensi, la mente lo fa in automatico).

sono io che non mi piace tanto essere paragonato agli altri

Di solito non piace a nessuno, perché spesso il paragone include un giudizio (A è meglio o peggio di B). Inoltre se sei una persona insicura (e un po' lo siamo quasi tutti), hai sempre paura che il paragone si risolva a tuo sfavore.

ma se ad esempio io sono alto due metri e un altro un metro e cinquanta, essere paragonati in questo modo da fastidio, non è realistico e nemmeno vieni trattato per quello che sei.

Più che altro non è equo, ma tieni conto che - per certi versi - è inevitabile. Per esempio le donne apprezzano molto l'altezza negli uomini, quindi è inevitabile che facciano paragoni a riguardo. SImilmente fanno gli uomini riguardo la dimensione dei seni, per esempio! :D

Certo può dare fastidio, ed è bene non farlo in modo esplicito... però è parte della realtà: dire che non mi piace o che non è giusto, non cambia i fatti.

Poi iniziano a dire che qualcuno ha qualcosa che tu non hai, e questo a volte è vero.

Ho la sensazione che questo tipo di persone siano "tossiche", o quantomeno tendenzialmente negative.
Certe persone sono sempre infelici e frustrate, e alleviano la loro sofferenza scaricandola sugli altri: per esempio lamentandosi in continuazione, criticando gli altri, od anche facendo paragoni per farle sentire inferiori o sbagliate.

Se parli di persone di questo tipo, farai bene a tenertene alla larga: sono persone che tendono a farti "affondare" con loro.

Non vedo però il motivo che debbano sempre rinfacciarti i tuoi " insuccessi" nella vita e al tempo stesso, non fanno mai i complimenti.

Questo è un altro indizio: io per esempio a volte sono critico o puntiglioso (se penso possa essere utile), ma sono anche uno che fa molti complimenti e apprezzamenti. Le persone tossiche, invece, sono quasi sempre negative.

Inoltre bisogna distinguere tra la critica costruttiva (che ti fornisce uno spunto per migliorare), e quella distruttiva (che ti butta solo giù).

Sarò io che li debbo ignorare di più. Voi come la prendete in certi casi?

Come ho detto, certe persone sono semplicemente da evitare. Io cerco di frequentare solo persone positive o comunque costruttive (che tendono verso la "luce", non l'oscurità).
Poi a volte alcuni devi frequentarli comunque, o per lavoro o per altre ragioni. Però ho imparato ad ignorare i giudizi altrui (inutili o dannosi), perché se ti fai condizionare dai giudizi vivrai sempre male.
  • 0

Il mio Blog "Psicofelicità": http://psicofelicita.blogspot.it/

Non possiamo scegliere cosa ci accade, ma possiamo sempre scegliere come reagire a ciò che ci accade.
Avatar utente
Navigator63
Amico level nine
 
Stato:
Messaggi: 433
Iscritto il: 21/07/2014, 1:29
Località: Torino
Citazione: Non possiamo scegliere cosa ci accade, ma possiamo sempre scegliere come reagire a ciò che ci accade.
Genere: Maschile

Giudizi affrettati e modo di concepire la vita

Messaggioda Dries » 08/05/2020, 0:51



Ciao. Ma devi frequentare per forza le persone che danno questi giudizi riguardanti la tua persona? Questo tipo di persone alla lunga fanno male alla propria autostima. Certe volte allontanarsi è la scelta più saggia...
  • 2

Avatar utente
Dries
Amico level one
 
Stato:
Messaggi: 15
Iscritto il: 29/04/2020, 23:27
Località: Napoli
Genere: Maschile

Giudizi affrettati e modo di concepire la vita

Messaggioda Ennon » 08/05/2020, 10:38



Navigator63 ha scritto:
Ennon ha scritto:Ultimamente ho pensato a tutte quelle persone che quando ci hai a che fare fanno sempre paragoni sulla tua persona usando l'aggettivo "come te".

I paragoni sono spesso stupidi o senza senso, perché siamo tutti diversi.

Quindi paragonare due persone è spesso assurdo, ma tendiamo a farlo perché il paragone è una funzione cognitiva "euristica" (estrapolazione approssimativa ma rapida), che può servirci per interpretare la realtà: se sono nella giungla, paragonare a colpo d'occhio due animali mi aiuta a decidere qual è quello più pericoloso, e da cui fuggire. Questa funzione è rimasta con noi perché ci ha aiutato a sopravvivere.
Tutti facciano istintivamente paragoni: per esempio in una situazione sociale, mi viene da paragonare le donne presenti, per decidere quale mi può interessare di più (senza che nemmeno ci pensi, la mente lo fa in automatico).

sono io che non mi piace tanto essere paragonato agli altri

Di solito non piace a nessuno, perché spesso il paragone include un giudizio (A è meglio o peggio di B). Inoltre se sei una persona insicura (e un po' lo siamo quasi tutti), hai sempre paura che il paragone si risolva a tuo sfavore.

ma se ad esempio io sono alto due metri e un altro un metro e cinquanta, essere paragonati in questo modo da fastidio, non è realistico e nemmeno vieni trattato per quello che sei.

Più che altro non è equo, ma tieni conto che - per certi versi - è inevitabile. Per esempio le donne apprezzano molto l'altezza negli uomini, quindi è inevitabile che facciano paragoni a riguardo. SImilmente fanno gli uomini riguardo la dimensione dei seni, per esempio! :D

Certo può dare fastidio, ed è bene non farlo in modo esplicito... però è parte della realtà: dire che non mi piace o che non è giusto, non cambia i fatti.

Poi iniziano a dire che qualcuno ha qualcosa che tu non hai, e questo a volte è vero.

Ho la sensazione che questo tipo di persone siano "tossiche", o quantomeno tendenzialmente negative.
Certe persone sono sempre infelici e frustrate, e alleviano la loro sofferenza scaricandola sugli altri: per esempio lamentandosi in continuazione, criticando gli altri, od anche facendo paragoni per farle sentire inferiori o sbagliate.

Se parli di persone di questo tipo, farai bene a tenertene alla larga: sono persone che tendono a farti "affondare" con loro.

Non vedo però il motivo che debbano sempre rinfacciarti i tuoi " insuccessi" nella vita e al tempo stesso, non fanno mai i complimenti.

Questo è un altro indizio: io per esempio a volte sono critico o puntiglioso (se penso possa essere utile), ma sono anche uno che fa molti complimenti e apprezzamenti. Le persone tossiche, invece, sono quasi sempre negative.

Inoltre bisogna distinguere tra la critica costruttiva (che ti fornisce uno spunto per migliorare), e quella distruttiva (che ti butta solo giù).

Sarò io che li debbo ignorare di più. Voi come la prendete in certi casi?

Come ho detto, certe persone sono semplicemente da evitare. Io cerco di frequentare solo persone positive o comunque costruttive (che tendono verso la "luce", non l'oscurità).
Poi a volte alcuni devi frequentarli comunque, o per lavoro o per altre ragioni. Però ho imparato ad ignorare i giudizi altrui (inutili o dannosi), perché se ti fai condizionare dai giudizi vivrai sempre male.




Grazie hai detto tante cose interessanti. Io credo che, sul fatto delle persone tossiche, se una persona non vuole né dare e né ricevere niente, il rapporto diventa inutile. In effetti se uno sa solo lamentarsi, non so a che gli serve.
Ben venga la critica quando è costruttiva. Io non ho mai cercato complimenti ma, proprio come dici tu, se in generale sai solo criticare vorrei saperne il motivo ( da loro non da te)
Grazie mille.
  • 1

Ennon
Amico level three
 
Stato:
Messaggi: 112
Iscritto il: 27/01/2020, 14:25
Località: Italia
Citazione: Tentar non nuoce
Genere: Maschile

Giudizi affrettati e modo di concepire la vita

Messaggioda Ennon » 08/05/2020, 10:40



Dries ha scritto:Ciao. Ma devi frequentare per forza le persone che danno questi giudizi riguardanti la tua persona? Questo tipo di persone alla lunga fanno male alla propria autostima. Certe volte allontanarsi è la scelta più saggia...


È vero, quando posso li devo evitare.
  • 0

Ennon
Amico level three
 
Stato:
Messaggi: 112
Iscritto il: 27/01/2020, 14:25
Località: Italia
Citazione: Tentar non nuoce
Genere: Maschile


Torna a Forum di Psicologia, Counseling, Coaching e Approccio empirico di MyHelp

Chi c’è in linea in questo momento?

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite

Reputation System ©'