L'esperienza di chi non ha problemi

Spazio per psicologi, counselor, psicoterapeuti e tutti coloro che vogliono offrire - o ricevere - un servizio inerente alla psicologia e all'approccio empirico.
Database di articoli propri o tratti da libri e siti internet, ma anche temi a scelta dell'autore.

L'esperienza di chi non ha problemi

Messaggioda Misantropa88 » 28/07/2020, 16:19



Penso che chi non ha problemi faccia meglio a starmi alla larga.
  • 0

Misantropa88
Amico level two
 
Stato:
Messaggi: 60
Iscritto il: 20/05/2020, 15:03
Località: Roma
Genere: Femminile

L'esperienza di chi non ha problemi

Messaggioda kathellyna » 28/07/2020, 19:06



chi ha sempre avuto la vita facile nella maggior parte dei casi percepisce la persona che vive un disagio come negativa, pesante, che non fa altro che piangersi addosso. se si avvicinerà, lo farà quasi esclusivamente per pietà nella speranza di fare una buona azione ma si renderà ben presto conto che le due parole spese per l' "amico" nella pausa tra una bella giornata al mare con gli amici e una serata in discoteca purtroppo non hanno avuto effetto. al che accuserà la persona di essere "tossica", manipolatrice, parassita della serenità altrui, intenzionata a "trascinarlo giù con lei".
chi ha avuto la vita difficile ma ne è uscito, dopo ben poco tempo inizierà a pensare che come ce l'ha fatta lui ce la devono fare tutti. se uno non ce la fa, vuol dire che non ha mai provato ad impegnarsi e che la la situazione in cui è in fondo gli sta più che bene. da qui vale la stessa identica cosa del caso precedente, da "al che" in poi.
chi non è mai stato male ma ha o ha avuto vicino una persona con problemi partirà forse con buone intenzioni, ma ben presto inizierà a caricarvi di sensi di colpa per la situazione che ha vissuto con l'altra persona "problematica". non credo di avere mai visto una risposta ad un aspirante suicida da parte di qualcuno che ha vissuto un lutto a causa appunto di un suicidio che non contenesse le parole "egoismo", "vergogna" o frasi quali "la vita non ti appartiene" o "farai soffrire la tua famiglia".
chi invece sta male non vuole un'altra persona che soffre accanto perché "ha bisogno di positività", "sta già male lui e non vuole altro dolore". se si avvicina, è perché non ha nessun altro. appena la sua situazione migliorerà o lui troverà un'altra persona, verrete spazzati via come foglie al vento e dimenticati.

in breve, è finita.

chiaramente sono generalizzazioni e non dico che questo valga per tutti, ma a quanto vedo, spesso la situazione va così.
  • 0

.
Avatar utente
kathellyna
Moderatore
 
Stato:
Messaggi: 7110
Iscritto il: 06/12/2012, 20:33
Genere: Femminile

L'esperienza di chi non ha problemi

Messaggioda Misantropa88 » 28/07/2020, 19:10



kathellyna ha scritto:chi ha sempre avuto la vita facile nella maggior parte dei casi percepisce la persona che vive un disagio come negativa, pesante, che non fa altro che piangersi addosso. se si avvicinerà, lo farà quasi esclusivamente per pietà nella speranza di fare una buona azione ma si renderà ben presto conto che le due parole spese per l' "amico" nella pausa tra una bella giornata al mare con gli amici e una serata in discoteca purtroppo non hanno avuto effetto. al che accuserà la persona di essere "tossica", manipolatrice, parassita della serenità altrui, intenzionata a "trascinarlo giù con lei".
chi ha avuto la vita difficile ma ne è uscito, dopo ben poco tempo inizierà a pensare che come ce l'ha fatta lui ce la devono fare tutti. se uno non ce la fa, vuol dire che non ha mai provato ad impegnarsi e che la la situazione in cui è in fondo gli sta più che bene. da qui vale la stessa identica cosa del caso precedente, da "al che" in poi.
chi non è mai stato male ma ha o ha avuto vicino una persona con problemi partirà forse con buone intenzioni, ma ben presto inizierà a caricarvi di sensi di colpa per la situazione che ha vissuto con l'altra persona "problematica". non credo di avere mai visto una risposta ad un aspirante suicida da parte di qualcuno che ha vissuto un lutto a causa appunto di un suicidio che non contenesse le parole "egoismo", "vergogna" o frasi quali "la vita non ti appartiene" o "farai soffrire la tua famiglia".
chi invece sta male non vuole un'altra persona che soffre accanto perché "ha bisogno di positività", "sta già male lui e non vuole altro dolore". se si avvicina, è perché non ha nessun altro. appena la sua situazione migliorerà o lui troverà un'altra persona, verrete spazzati via come foglie al vento e dimenticati.

in breve, è finita.

chiaramente sono generalizzazioni e non dico che questo valga per tutti, ma a quanto vedo, spesso la situazione va così.


È esattamente cosi.
  • 0

Misantropa88
Amico level two
 
Stato:
Messaggi: 60
Iscritto il: 20/05/2020, 15:03
Località: Roma
Genere: Femminile

Precedente

Torna a Forum di Psicologia, Counseling, Coaching e Approccio empirico di MyHelp

Chi c’è in linea in questo momento?

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite

Reputation System ©'