Relazione fra individuo e collettività

Spazio per psicologi, counselor, psicoterapeuti e tutti coloro che vogliono offrire - o ricevere - un servizio inerente alla psicologia e all'approccio empirico.
Database di articoli propri o tratti da libri e siti internet, ma anche temi a scelta dell'autore.

Relazione fra individuo e collettività

Messaggioda Ief » 29/09/2021, 10:55



Buongiorno, stamattina mi sono svegliato, reduce da una fase onirica piuttosto burrascosa, con un dubbio amletico cui ancora mi assale e a cui tuttora sto cercando di rispondere. Guardando lo show televisivo del Grande Fratello, mi chiedevo quanto possa essere futile una vita di un individuo spesa senza una giusta causa (ammesso che ci debba essere) , o perlomeno, nel non chiedersi neppure se ci debba essere o non essere una causa nello stesso vivere. Insomma spendere giornate ad attirare l'attenzione sulla propria persona e a bighellonare tutto il giorno in maniera demenziale con la consapevolezza o meno di essere guardati da milioni di persone, proprio come fenomeni da baraccone. Mi chiedevo a questo punto se ci potrebbe essere una relazione fra la crescita della mia consapevolezza e il disprezzo che comunque nutro verso ciò che fanno queste persone. Mi spiego meglio, è direttamente proporzionale la crescita della propria coscienza con l'insorgere di un eventuale narcisismo? Perché partendo da questa premessa logica è come se fosse una lama a doppio taglio a questo punto la crescita personale. Crescendo a livello umano e spirituale si tende a screditare ciò che la massa tende a fare, ossia pascolare. La stessa consapevolezza dovrebbe essere trascendente e ricolmare quel gap che ci distingue da chi non si fa alcuna domanda e in cui ci si tende ad impantanarsi, ovvero il giudizio.
  • 0

Ief
Amico level three
 
Stato:
Messaggi: 110
Iscritto il: 22/12/2018, 21:47
Genere: Maschile

Relazione fra individuo e collettività

Messaggioda Semir88 » 29/09/2021, 10:56



Il vero problema inizia già dallo guardare il grande fratello. È farsi del male psicologicamente.
  • 0

Avatar utente
Semir88
Amico level eight
 
Stato:
Messaggi: 375
Iscritto il: 04/04/2020, 20:59
Località: Turin
Occupazione: Single
Genere: Maschile

Relazione fra individuo e collettività

Messaggioda Ief » 29/09/2021, 11:00



E allora puoi ben comprendere che se c'è una parte di ciascuno di noi a cui da fastidio una cosa del genere è perché in fondo non lo ha accettato. Il livello di consapevolezza trascende il dolore di ciò cui l'Io assiste. Non tutto ciò che vedrai nella vita ti piacerà, ammesso che dovrai vederlo come dovere, come semplice curiosità, o a cui sarai spettatore involontario
  • 0

Ief
Amico level three
 
Stato:
Messaggi: 110
Iscritto il: 22/12/2018, 21:47
Genere: Maschile

Relazione fra individuo e collettività

Messaggioda Ātman » 29/09/2021, 11:11



Ief ha scritto:Buongiorno, stamattina mi sono svegliato, reduce da una fase onirica piuttosto burrascosa, con un dubbio amletico cui ancora mi assale e a cui tuttora sto cercando di rispondere. Guardando lo show televisivo del Grande Fratello, mi chiedevo quanto possa essere futile una vita di un individuo spesa senza una giusta causa (ammesso che ci debba essere) , o perlomeno, nel non chiedersi neppure se ci debba essere o non essere una causa nello stesso vivere. Insomma spendere giornate ad attirare l'attenzione sulla propria persona e a bighellonare tutto il giorno in maniera demenziale con la consapevolezza o meno di essere guardati da milioni di persone, proprio come fenomeni da baraccone. Mi chiedevo a questo punto se ci potrebbe essere una relazione fra la crescita della mia consapevolezza e il disprezzo che comunque nutro verso ciò che fanno queste persone. Mi spiego meglio, è direttamente proporzionale la crescita della propria coscienza con l'insorgere di un eventuale narcisismo? Perché partendo da questa premessa logica è come se fosse una lama a doppio taglio a questo punto la crescita personale. Crescendo a livello umano e spirituale si tende a screditare ciò che la massa tende a fare, ossia pascolare. La stessa consapevolezza dovrebbe essere trascendente e ricolmare quel gap che ci distingue da chi non si fa alcuna domanda e in cui ci si tende ad impantanarsi, ovvero il giudizio.


A mio avviso è già importante che tu te ne sia accorto. Molti, che siano o no su un cammino di crescita personale, giudicano di continuo senza nemmeno porsi il problema. Hanno bisogno di sentirsi superiori agli altri, che sia perché hanno un posto privilegiato nella massa o perché se ne sentono sprezzantemente al di fuori.
L'unico rimedio è la costante consapevolezza: osserva la mente, guarda come formula di continuo giudizi su quello che vede, ma non sviluppare quei pensieri; lasciali andare, e senza giudicare te stesso per esserci ricascato. Così allenterai gradualmente la presa di quei pensieri su di te, e inizierai a trovare piacevole essere semplicemente consapevole, in pace.
  • 1

Avatar utente
Ātman
Amico Top Level
 
Stato:
Messaggi: 1783
Iscritto il: 10/09/2016, 9:06
Citazione: अयम् आत्मा ब्रह्म
Genere: Maschile

Relazione fra individuo e collettività

Messaggioda Ief » 30/09/2021, 8:40



Perché a seguito di un giudizio involontario provo ancora dolore?
  • 0

Ief
Amico level three
 
Stato:
Messaggi: 110
Iscritto il: 22/12/2018, 21:47
Genere: Maschile

Relazione fra individuo e collettività

Messaggioda Ief » 30/09/2021, 8:41



Ātman ha scritto:
Ief ha scritto:Buongiorno, stamattina mi sono svegliato, reduce da una fase onirica piuttosto burrascosa, con un dubbio amletico cui ancora mi assale e a cui tuttora sto cercando di rispondere. Guardando lo show televisivo del Grande Fratello, mi chiedevo quanto possa essere futile una vita di un individuo spesa senza una giusta causa (ammesso che ci debba essere) , o perlomeno, nel non chiedersi neppure se ci debba essere o non essere una causa nello stesso vivere. Insomma spendere giornate ad attirare l'attenzione sulla propria persona e a bighellonare tutto il giorno in maniera demenziale con la consapevolezza o meno di essere guardati da milioni di persone, proprio come fenomeni da baraccone. Mi chiedevo a questo punto se ci potrebbe essere una relazione fra la crescita della mia consapevolezza e il disprezzo che comunque nutro verso ciò che fanno queste persone. Mi spiego meglio, è direttamente proporzionale la crescita della propria coscienza con l'insorgere di un eventuale narcisismo? Perché partendo da questa premessa logica è come se fosse una lama a doppio taglio a questo punto la crescita personale. Crescendo a livello umano e spirituale si tende a screditare ciò che la massa tende a fare, ossia pascolare. La stessa consapevolezza dovrebbe essere trascendente e ricolmare quel gap che ci distingue da chi non si fa alcuna domanda e in cui ci si tende ad impantanarsi, ovvero il giudizio.


A mio avviso è già importante che tu te ne sia accorto. Molti, che siano o no su un cammino di crescita personale, giudicano di continuo senza nemmeno porsi il problema. Hanno bisogno di sentirsi superiori agli altri, che sia perché hanno un posto privilegiato nella massa o perché se ne sentono sprezzantemente al di fuori.
L'unico rimedio è la costante consapevolezza: osserva la mente, guarda come formula di continuo giudizi su quello che vede, ma non sviluppare quei pensieri; lasciali andare, e senza giudicare te stesso per esserci ricascato. Così allenterai gradualmente la presa di quei pensieri su di te, e inizierai a trovare piacevole essere semplicemente consapevole, in pace.


Perché a seguito di un giudizio involontario provo ancora dolore?
  • 0

Ief
Amico level three
 
Stato:
Messaggi: 110
Iscritto il: 22/12/2018, 21:47
Genere: Maschile

Relazione fra individuo e collettività

Messaggioda Ātman » 30/09/2021, 9:22



Ief ha scritto:Perché a seguito di un giudizio involontario provo ancora dolore?


Un tuo giudizio sugli altri? Per dolore che intendi? Senso di colpa? Il non essere all'altezza del tuo ideale?
  • 0

Avatar utente
Ātman
Amico Top Level
 
Stato:
Messaggi: 1783
Iscritto il: 10/09/2016, 9:06
Citazione: अयम् आत्मा ब्रह्म
Genere: Maschile

Relazione fra individuo e collettività

Messaggioda Ief » 03/10/2021, 10:03



Sia il non essere all'altezza delle mie convinzioni e sia la delusione in generale verso me stesso mista a senso di colpa
  • 0

Ief
Amico level three
 
Stato:
Messaggi: 110
Iscritto il: 22/12/2018, 21:47
Genere: Maschile

Relazione fra individuo e collettività

Messaggioda Ātman » 03/10/2021, 10:20



Ief ha scritto:Sia il non essere all'altezza delle mie convinzioni e sia la delusione in generale verso me stesso mista a senso di colpa


Eh, ci vuole tempo per migliorare; l'importante è non mollare, se senti di star seguendo la strada giusta.
  • 0

Avatar utente
Ātman
Amico Top Level
 
Stato:
Messaggi: 1783
Iscritto il: 10/09/2016, 9:06
Citazione: अयम् आत्मा ब्रह्म
Genere: Maschile


Torna a Forum di Psicologia, Counseling, Coaching e Approccio empirico di MyHelp

Chi c’è in linea in questo momento?

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite

Reputation System ©'