Il condizionamento

Spazio per psicologi, counselor, psicoterapeuti e tutti coloro che vogliono offrire - o ricevere - un servizio inerente alla psicologia e all'approccio empirico.
Database di articoli propri o tratti da libri e siti internet, ma anche temi a scelta dell'autore.

Il condizionamento

Messaggioda Royalsapphire » 06/01/2015, 18:54



Nasciamo condizionati, ci educano condizionati e verso l'adolescenza si verifica il culmine della scelta: che ne facciamo di questi condizionamenti? Li rivediamo alla luce del nostro essere unico e specifico, oppure ci adeguiamo per una vasta massa di motivi?
DI solito si fa un po' e un po', ma quel che determina le vie è quanto si rimane fedeli a se stessi e soprattutto quanto questa fedeltà è tra le nostre priorità. Spesso essere fedeli a se stessi è scomodo, quasi sempre va contro qualche norma invece riconosciuta e condivisa, rigida e senza senso (cioè senza ragione e verità), per quanto funzionale (a chi? Di solito al mantenimento di una certa cultura che molti trovano vantaggiosa). Anche qui si pone una scelta: essere "out" o più "comodamente" ingoiare il rospo e sottomettersi.
Man mano che il tempo passa non si riesce più a distinguere tra quello che è condizionante e quello che è autentico, si ha dentro una grande confusione. Anche qui si pone una scelta: affrontare o meno questa confusione, mettere a tacere o risolvere i conflitti interiori? Secondo quanto si sceglie si sta male e bene, cioè si sta sempre male per la parte che viene mortificata, e bene per quella soddisfatta. Solo che , se la parte motificata è la propria autenticità, prima o poi questo male esploderà, magari in età avanzata, con un conflitto lacerante interiore che molto spesso trova come canale di espressione gli affetti: la famiglia, gli amori, gli amici.

Bene, tutto questo pistolotto per cosa? Forse per tentare un'ipotesi sui motivi dell'indecisione confittuale alla quale il suo amore è evidentemente sottoposto.
Probabilmente è storia antica, che va oltre il vostro rapporto, che investe tutta la sua vita, perchè se così non fosse l'avrebbe già velocemente risolto.

Non voglio fare la sibilla, naturalmente tutto questo può non riguardare affatto la persona di cui parliamo, sarebbe assai scorretto e menzognero affibbiargli queste interpretazioni. Sono semplicemente i temi che il suo racconto mi ha evocato, e siccome li trovo importanti, ho pensato di porgerli a tutti come riflessione.

Conseguenza di quanto ho descritto di solito è:
- affezione al passato straziante, anche alle proprie catene. Perchè non c'è nessuna cosa che è solo brutta e negativa, e se non si ha un criterio di scelta superiore (un ideale, una fedeltà a sè, uno scopo trascendente) non si riesce a liberarsi del passato, anche se non lo si vive bene
- indecisione soprattutto affettiva, perchè si sviluppa per compensazione la capacità di fare scelte veloci e precise magari in altri campi (per esempio lavorativi) e questo è un male dal punto di vista dellla soluzione del conflitto, perchè non mette mai in quelle condizioni di "è tutto un disastro" che spingono per forza a muoversi (o morire)
- cristalizzarsi dello stato, entrando in un circolo vizioso per cui più passa il tempo più i "vantaggi" si assommano agli svantaggi e diventa sempre più difficile risolversi
- scelte parziali, per esempio lasciare qualcuno ma non lasciarlo del tutto, accompagnarsi a qualcuno ma non farlo del tutto. Desiderare una cosa e il suo contrario (come è logico che sia per tutti, visto quanto detto, che niente è solo brutto o solo bello, dipende dal punto di vista) senza riuscire a decidere vista la mancanza di una scala personale di priorità corrispondente alla conoscenza e al rispetto per se stessi. Col risultato di mancare di rispetto a molti altri, soprattutto ai più cari.
- Ecc. Ecc. Non voglio scrivere un manuale :)

Che fare? Non si può indurre un altro a essere/fare neppure il proprio bene, per cui ciascuno deve valutare cosa è disponibile a vivere e cosa no, per se stesso. Così come riuscire a valutare istintivamente oltre le promesse e le parole. Bisogna anche aggiungere che questo tipo di problematica (peraltro sempre più diffusa, con l'aumentare della consapevolezza) rende le persone molto affascinanti perchè in grado di esprimere il meglio di sè come individui e come partner, un po' come in vacanza possiamo essere al massimo, visto che "sappiamo" già di non doverlo fare a lungo termine.

C'è da domandarsi: quale "incastro" mi tiene incastrata ? :) Qual è la mia, di storia affettiva e di rapporto con la mia autenticità? Perchè nulla è mai a caso.

Ci sono crisi passeggere, che ci mettono in questo stato tutti, per un po'. Ci sono problematiche incancrenite che invece trasformano questo stato in una specie di tratto caratteriale. Difficile scalzare tale modo, soprattutto da adulti navigati; è possibile farlo con un lavoro su di sè più complessivo...

http://www.eleonoraarduino.it/condizion ... mment-2845
  • 1

:tao: :rose: :mask: :luce: :home1:
Avatar utente
Royalsapphire
Admin
 
Stato:
Messaggi: 12992
Iscritto il: 12/11/2012, 18:07
Località: Svizzera
Occupazione: Farmacista e Counselor
Citazione: "Sii il cambiamento che vuoi vedere nel mondo" (Gandhi)
Genere: Femminile

Il condizionamento

Messaggioda Richard_Benson » 06/01/2015, 19:16



Il condizionamento sociale comincia ad essere applicato quando siamo ancora in tenera età: comincia con la scuola ai livelli bassi come l'asilo e le scuole elementari. Si insegna ai bambini a leggere e a scrivere fino ad arrivare ad un livello elementare di istruzione. È lì che avviene il primo tipo di condizionamento unito a quello della famiglia: si passa dallo stato selvaggio e di natura ad un primo addomesticamento degli istinti e delle pulsioni irrazionali.

Poi il condizionamento prosegue man mano che il bambino prosegue il suo cammino nella scuola fino ad arrivare ad un'istruzione superiore: al bambino che diventa un ragazzino col tempo gli vengono insegnate varie materie scolastiche schematizzate nei vari programmi scolastici.

Lì avviene il secondo passo, ossia si dà una visione del mondo, del tempo e dello spazio, della società etc.. Tutto ciò unito sempre al condizionamento dell'ambiente familiare e dell'ambiente sociale con tutta una serie di convenzioni, norme sociali e influenze culturali locali ed extralocali che sono insite come conseguenza al condizionamento. Poi comincia anche il condizionamento dei media ossia della sovrastruttura ideologica della “società dell'immagine”, espressione e facciata del mondo neoliberista e capitalista, che genera icone pop, divi da adorare, sottoculture, supereroi e tanto altro ancora.

Tutto questo prosegue nella vita di ogni individuo da quando è piccolo fino a quando egli diventa adulto e una volta adulti ormai l'opera è completata con l'assegnamento di un ruolo sociale ben definito o di vari ruoli sociali che si possono avvicendare e sostituire gli uni con gli altri. Condizionamento sociale, una visione del mondo, dello spazio e del tempo, la società dell'immagine, una fiducia smisurata nella tecnologia e nell'innovazione e, da non dimenticare, un'opinione pubblica forte, unita alla manipolazione dell'informazione: tutto questo e molto altro ancora è tenuto in piedi per la sopravvivenza e l'equilibrio del sistema sociale che altrimenti collasserebbe su se stesso.

Ogni individuo è importante quanto tutto il sistema, e allo stesso tempo è superfluo per il sistema.
(Felice Monda, http://www.agoravox.it/Il-condizionamento-sociale.html)
  • 0

Madre Tortura, il tuo biondo è il colore della mia libertà/
Madre Tortura, venduta per 30 denari ad un bimbo senza età/
https://www.facebook.com/invettive
Immagine
Avatar utente
Richard_Benson
Moderatore
 
Stato:
Messaggi: 721
Iscritto il: 04/11/2014, 14:25
Località: Sicilia
Occupazione: Insegnante
Citazione: La vita inizia con una fregata e finisce con una fregatura.
Genere: Maschile

Il condizionamento

Messaggioda enricorns2 » 06/01/2015, 19:27



si è condizionati perchè lo si vuole, è bello? è facile, si appare? lo fanno tutti? è di moda? cucchi?

e che c***o ti gridi :music:

già perchè chi vusa puseè la vaca le sua
  • 1

Per favore non lasciatevi rubare la speranza (papa Francesco)

chiedete e non ottenete perché chiedete male, per soddisfare cioè le vostre passioni. (Gc 4,3)


Chi vusa püsé la vaca l’è sua
enricorns2
Amico level sixteen
 
Stato:
Messaggi: 751
Iscritto il: 17/12/2014, 21:39
Località: varese
Citazione: Gesù è il Signore
Genere: Maschile

Il condizionamento

Messaggioda dr.ssa Eleonora Arduino » 11/03/2015, 2:50



potete per favore citare la fonte di questo post?
http://www.eleonoraarduino.it/condizion ... mment-2845
a sua volta trascritto da una mia risposta nel forum Pagine Blu/consulenza psciologica di cui sono moderatrice:
http://www.psicologi-psicoterapeuti.it/ ... 37#p103937
grazie!
  • 0

www.eleonoraarduino.it
dr.ssa Eleonora Arduino
Nuovo Amico Virtuale
 
Stato:
Messaggi: 1
Iscritto il: 11/03/2015, 2:19
Località: torino
Genere: Femminile

Il condizionamento

Messaggioda Davy Jones » 11/03/2015, 3:44



dr.ssa Eleonora Arduino ha scritto:potete per favore citare la fonte di questo post?

Fatto, era stato appunto inserito quotato come citazione, ho aggiunto la fonte.
  • 1

Avatar utente
Davy Jones
Amico level nineteen
 
Stato:
Messaggi: 1206
Iscritto il: 28/01/2013, 0:21
Località: Lombardia
Citazione: Amici? Tuoi amici? Se chiudi loro insieme in stanza senza cibo per una settimana... allora tu vedi cosa è amici!
Genere: Maschile


Torna a Forum di Psicologia, Counseling, Coaching e Approccio empirico di MyHelp

Chi c’è in linea in questo momento?

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite

Reputation System ©'