Interruzione Venlafaxina (Efexor/Zarelis)

Spazio per medici, farmacisti, infermieri e tutti coloro che sentono di voler condividere - o di avere bisogno di - informazioni importanti inerenti ai farmaci (ipnotici, ansiolitici, antidepressivi, antipsicotici), malattie e salute.
Affrontiamo anche tematiche riguardanti la droga, l'alcolismo, i disturbi di personalità quali borderline, narcisistico, evitante, derealizzazione, depersonalizzazione.
Condividiamo anche informazioni utili sulle nuove scoperte scientifiche in campo medico.

Interruzione Venlafaxina (Efexor/Zarelis)

Messaggioda Lyra2.0 » 20/11/2021, 18:43



Scrivo questo post per avere qualche consiglio specialmente da qualche "specialista" che frequenti il forum.
Premetto che io prendevo 150 mg di Venlafaxina la mattina da circa tre anni, insime a 10 mg di Aripiprazolo.
Poi ovviamente ho alcuni farmaci al bisogno per quando soffro d'ansia o quando mi agito eccessivamente a causa delle crisi, soffrendo io di Disturbo Borderline di Personalità.
Ma veniamo al motivo di questo post...

Circa un mese fa ho assunto molte pastiglie tutte insieme e sono stata ricoverata in psichiatria per l'ennesima volta.
Durante questo ricovero -durato due settimane- abbiamo parlato del fatto che è da mesi che sintomi (come sbalzi d'umore verso il basso, pensieri autolesivi agiti o non e pensieri di farla finita tentati o non) si sono intensificati. Avendo vagliato tutte le possibili motivazioni e l'andamento della mia vita attualmente ne abbiamo dedotto, con gli psichiatri, che potrebbe essere che la Venlafaxina non funzioni più come prima su questi sintomi dopo tre anni che la prendo. Perciò hanno deciso di togliermi tale farmaco, vedere come vado, e poi nel caso sostituirlo con qualche altro farmaco.
E qui sono arrivati i problemi... mi hanno scalato tutti i 150mg in una settimana e mezza (ho finito di prenderlo esattamente due giorni dopo la dimissione dal ricovero in psichiatria).
Evidentemente uno scalaggio troppo veloce per il mio corpo... perchè ho iniziato ad avere un sacco di sintomi astinenziali:
-gastrointestinali: mal di pancia e nausea quando mangio;
-emicrania;
-debolezza, palpitazioni da affaticamento, giramenti di testa;
-insonnia;
-a volte tremori, scatti;
-sensazione di essere bollente senza avere perà la febbre...

Il problema è che la cosa va avanti da due settimane e ancora continua e io non so più che fare.
Più volte mi sono recata al Centro di Salute Mentale per parlare della situazione, soprattutto per l'insonnia perche per 5 giorni ho dormito 2 ore su 24. Al momento per dormire mi hanno dato 4mg di trilafon, 10 mg di stilnox... e con questi dormo circa 4 ore... se voglio dormire di piu devo prendere un ulteriore farmaco, ovvero il tavor da 2,5 mg per riuscire a dormire qualche altra ora.
Purtroppo a me ci vogliono dalle 8 alle 10 ore per sentirmi un minimo riposata quindi 4-5 ore non bastano.
Per di più se aggiunto alle notti passate di merda ci mettiamo anche che durante il giorno sto di merda per i sintomi sopra citati... ovviamente non riesco a fare nulla. L'altro giorno mi sono azzardata ad andare a fare una passeggiata per iniziare a guardare un po' i regali di natale da fare ai miei cugini, e ormai cascavo per terra.
Negli ultimi giorni inoltre sono tornati pensieri suicidari, pensieri di farmi del male, ansia...

Oserei dire che non ne posso più... e gli psichiatri non dicono altro se non di aspettare che i sintomi astinenziali vadano via... ma due settimane cosi (che si stanno protraendo oltre) è tosta... sono davvero esasperata.
  • 1

Lyra2.0
Amico level two
 
Stato:
Messaggi: 79
Iscritto il: 21/06/2019, 18:28
Località: lungo un percorso
Genere: Femminile

Interruzione Venlafaxina (Efexor/Zarelis)

Messaggioda Semir88 » 20/11/2021, 19:18



Ma perché ti danno tutti questi psicofarmaci? Le medicine servono per riequilibrare l'umore e vanno presi ma tu a 20 anni mi sembra prendi troppi dosaggi alti. Così non hai più energie. Purtroppo per la tua malattia non c'è una vera cura, anche i dottori vanno a tentativi cercando un farmaco più efficace su di te. Ma perché sei così tormentata? Non fai psicoterapia? Non avevi un fidanzato?
  • 0

Avatar utente
Semir88
Amico level eight
 
Stato:
Messaggi: 375
Iscritto il: 04/04/2020, 20:59
Località: Turin
Occupazione: Single
Genere: Maschile

Interruzione Venlafaxina (Efexor/Zarelis)

Messaggioda Lyra2.0 » 21/11/2021, 7:48



Semir88 ha scritto:Ma perché ti danno tutti questi psicofarmaci? Le medicine servono per riequilibrare l'umore e vanno presi ma tu a 20 anni mi sembra prendi troppi dosaggi alti. Così non hai più energie. Purtroppo per la tua malattia non c'è una vera cura, anche i dottori vanno a tentativi cercando un farmaco più efficace su di te.


A dosaggi più bassi la Venlafaxina non mi faceva nulla nemmeno all'inizio. Anzi in alcuni periodi ne ho presa anche di più.
Idem il Tavor per esempio, il tavor da 1 mg non mi fa un fico secco, come lo Xanax (A meno che non ne prenda non so quano), quindi devo prendere quello da 2,5 mg (di Tavor) che si scoglie in bocca.
Le energie non ce li ho in queste due settimane per l'astinenza da Venlafaxina, che poi non è proprio astinenza in quanto gli antidepressivi non creano dipendenza, è semplicemente il corpo che non è più abituato a fare senza.



Semir88 ha scritto:Ma perché sei così tormentata? Non fai psicoterapia? Non avevi un fidanzato?


Vedo una psicologa ma non mi trovo bene.
Cosa c'entra se sono fidanzata? Una persona con un disagio psichiatrico non guarisce magicamente quando si fidanza.
  • 0

Lyra2.0
Amico level two
 
Stato:
Messaggi: 79
Iscritto il: 21/06/2019, 18:28
Località: lungo un percorso
Genere: Femminile

Interruzione Venlafaxina (Efexor/Zarelis)

Messaggioda A.M. » 21/11/2021, 10:11



Potresti valutare di cambiare psicoterapeuta e psichiatra.
Forse avrebbero dovuto tenerti più a lungo in reparto, in osservazione, al fine di monitorare al meglio il passaggio farmacologico.
  • 1

A.M.
Amico level six
 
Stato:
Messaggi: 254
Iscritto il: 30/12/2015, 16:46
Località: Toscana
Genere: Maschile

Interruzione Venlafaxina (Efexor/Zarelis)

Messaggioda Semir88 » 21/11/2021, 14:20



Ma certo che c'entra scusa, l'avere un fidanzato dovrebbe distrarti dai pensieri negativi e autolesionisti. Dovresti essere meno depressa, nervosa, ingannando il cervello cercando di contrastare quando ti viene quel desiderio assurdo di tagliarti per poi stare meglio. Anche il sesso rilascia endorfine, proprio come l'eroina. Purtroppo la seconda è maledettamente bella e poi ti presenta il conto.e ti fa schiavo.
  • 0

Avatar utente
Semir88
Amico level eight
 
Stato:
Messaggi: 375
Iscritto il: 04/04/2020, 20:59
Località: Turin
Occupazione: Single
Genere: Maschile

Interruzione Venlafaxina (Efexor/Zarelis)

Messaggioda Broken Mirror » 21/11/2021, 15:21



Ciao, anni fa ebbi come diagnosi "tratti borderline" e confermo che questi sono problemi che nulla hanno a che fare con l'essere o meno in una relazione. Anzi, forse durante i rapporti sentimentali si dà il peggio di sé, mi spiace tantissimo scriverlo. Parlo per la mia diretta esperienza personale, ovviamente. Ecco, la terapia che mi ha aiutato tantissimo è stata la dialettico comportamentale associata alla TIP e alla mindfulness. Sono ritenuti utilissimi anche lo psicodramma e soprattutto la schema therapy, quest'ultima eccellente, peccato dove abitassi all'epoca nessuno la facesse tra i vari specialisti. Per quanto concerne le medicine, invece, esse aiutano eccome. Io assumevo alcuni antidepressivi e per un periodo anche Venlafaxina 150, ma lo scalaggio mi fu fatto fare con moooolta gradualità. Il mio curante preferiva usare la formulazione in gocce, scalando una cosa come 2/3 gocce alla settimana, non di più! Posso scrivere un'ultima testimonianza, sempre basata sulla mia storia, che nessuno la prenda a male? Per queste problematiche, detto in franchezza, a me il miracolo lo hanno fatto più gli stabilizzatori dell'umore, soprattutto Lyrica e Tolep all'epoca. Comunque spero di averti aiutata con questo mio scritto. Ti direi di parlare di tutto questo con chi ti segue per rivalutare, in caso, la temporanea reintroduzione di Venlafaxina a piccole dosi esclusivamente per fare lo scalaggio lento. Tutto sotto supervisione specialistica, mi raccomando! Un abbraccio
  • 1

Avatar utente
Broken Mirror
Amico level two
 
Stato:
Messaggi: 93
Iscritto il: 25/09/2014, 19:49
Genere: Maschile

Interruzione Venlafaxina (Efexor/Zarelis)

Messaggioda Lyra2.0 » 22/11/2021, 8:23



A.M. ha scritto:Potresti valutare di cambiare psicoterapeuta e psichiatra.
Forse avrebbero dovuto tenerti più a lungo in reparto, in osservazione, al fine di monitorare al meglio il passaggio farmacologico.


Purtroppo il Centro di Salute Mentale non offre questa possibilità perchè assegna psichiatra e psicologo/psicoterapeuta secondo il territorio in cui vivi, e non è possibile cambiarli a meno che il direttore del Centro di Salute Mentale non decida di fare un'eccezione, cosa che con me ha deciso di non fare (ho gia fatto la richiesta per cambiare psicoterapeuta e non è stata accettata).
Per quanto riguarda l'osservazione in reparto, i sintomi sono iniziati dopo due giorni che mi dimettessero.



Semir88 ha scritto:Ma certo che c'entra scusa, l'avere un fidanzato dovrebbe distrarti dai pensieri negativi e autolesionisti. Dovresti essere meno depressa, nervosa, ingannando il cervello cercando di contrastare quando ti viene quel desiderio assurdo di tagliarti per poi stare meglio. Anche il sesso rilascia endorfine, proprio come l'eroina. Purtroppo la seconda è maledettamente bella e poi ti presenta il conto.e ti fa schiavo.


No che non c'entra, la persona che ami non è una "distrazione", non è nemmeno "un inganno al cervello" se è qualcosa di vero.
Ti può solo accompagnare nelle tue problematiche se ne hai, ma non fartele sparire, anche perché se no avremmo già trovato la cura a depressione, bipolarismo, e disturbi psichiatrici di vario genere.
Tra l'altro come dice Broken Mirror durante le relazioni si dà il peggio di sè (qesto vale almeno per il Disturbo Borderline di Personalità), perchè è un disturbo che si presenta in tutte le aree della vita, ma soprattutto in campo relazionale.



Broken Mirror ha scritto: Ecco, la terapia che mi ha aiutato tantissimo è stata la dialettico comportamentale associata alla TIP e alla mindfulness. Sono ritenuti utilissimi anche lo psicodramma e soprattutto la schema therapy, quest'ultima eccellente, peccato dove abitassi all'epoca nessuno la facesse tra i vari specialisti. Per quanto concerne le medicine, invece, esse aiutano eccome. Io assumevo alcuni antidepressivi e per un periodo anche Venlafaxina 150, ma lo scalaggio mi fu fatto fare con moooolta gradualità. Il mio curante preferiva usare la formulazione in gocce, scalando una cosa come 2/3 gocce alla settimana, non di più! Posso scrivere un'ultima testimonianza, sempre basata sulla mia storia, che nessuno la prenda a male? Per queste problematiche, detto in franchezza, a me il miracolo lo hanno fatto più gli stabilizzatori dell'umore, soprattutto Lyrica e Tolep all'epoca. Comunque spero di averti aiutata con questo mio scritto. Ti direi di parlare di tutto questo con chi ti segue per rivalutare, in caso, la temporanea reintroduzione di Venlafaxina a piccole dosi esclusivamente per fare lo scalaggio lento. Tutto sotto supervisione specialistica, mi raccomando! Un abbraccio


Grazie mille Broken Mirror per il tuo intervento, per i consigli insomma!
La terapia dialettico-comportamentale dovrei iniziarla a Gennaio forse, e ci spero tanto da come me ne hanno parlato... mentre lo psicodramma e la schema therapy non so cosa siano, appena avrò voglia magari cerco un po' sul web qualche info a riguardo.
Purtroppo io non posso prendere farmaci in gocce per indicazione di coloro che mi seguono, in quanto dovrebbero lasciarmi la boccetta a casa, e io molto spesso abuso di farmaci. Infatti le pillole me le danno solo per due giorni, poi devo tornare a ritirarle per altri due e così via, onde evitare che possa prendere troppi medicinali insieme e sentirmi male.
Per quanto riguarda la stabilizzazione dell'umore... l'Aripiprazolo al dosaggio che prendo dovrebbe fungere anche da stabilizzatore dell'umore, anche se pensavano appunto di mettermi qualche altro stabilizzatore dell'umore al posto dell'antidepressivo che ho tolto.
Mentre per il discorso di rivalutare la Venlafaxina e in caso riprenderla e scalarla più lentamente posso anche richiedere, ma avevo già chiesto e mi hanno detto di no...
  • 0

Lyra2.0
Amico level two
 
Stato:
Messaggi: 79
Iscritto il: 21/06/2019, 18:28
Località: lungo un percorso
Genere: Femminile

Interruzione Venlafaxina (Efexor/Zarelis)

Messaggioda Semir88 » 22/11/2021, 8:42



Beh avere una persona che ti ama e ti sostiene è un grosso vantaggio che non avere nessuno ed essere soli.
  • 0

Avatar utente
Semir88
Amico level eight
 
Stato:
Messaggi: 375
Iscritto il: 04/04/2020, 20:59
Località: Turin
Occupazione: Single
Genere: Maschile

Interruzione Venlafaxina (Efexor/Zarelis)

Messaggioda Hystèria » 23/11/2021, 12:21



Trovo ridicolo lo staccarti dal farmaco all'improvviso...
Io prendo un farmaco solo e neanche a dosaggi assurdi e mi hanno già detto che al momento della fine della terapia devo fare un mese con il dosaggio a metà.
Secondo me qualcuno ogni tanto si dimentica che siamo esseri umani, il problema è questo. Seguono la lista della spesa letta nel libro e fine.
Toh, piglia ste medicine per anestetizzarti il cervello così non rompi più al prossimo. Come dici? Non ti trovi bene con il terapeuta? E vabbè.
A maggior ragione perchè sei una condizione così delicata dovrebbero ascoltarti di più.
Quello che posso dire è prova a resistere un altro pò. Lo sai te quali sono i tuoi limiti. Stanno cercando di aiutare una persona non di farla soffrire e farla pentire di essere nata e che diamine.
  • 0

Avatar utente
Hystèria
Amico level three
 
Stato:
Messaggi: 137
Iscritto il: 14/07/2021, 10:21
Località: Staceppa
Genere: Femminile


Torna a Forum su Farmaci, Medicina generale, e Disturbi della Personalità

Chi c’è in linea in questo momento?

Visitano il forum: Nessuno e 3 ospiti

Reputation System ©'