Che fa postiamo storielle nostre?

La Setta Dei Poeti Estinti.
Poesie, racconti, libri, letteratura, miti, leggende barzellette... Condividiamo le creazioni dei Grandi e... anche nostre!

Che fa postiamo storielle nostre?

Messaggioda Chiamami come ti pare » 11/05/2018, 2:38



Zalve, io scrivo da quando ero piccina. Io adesso pubblico un robo che ho scritto io e vi esorto a fare lo stesso e scambiarci opinioni u_U

Forse l’hai già vista, magari in un sogno, una terra dimenticata e buia. Ove gli dei sparirono, e solo le braci restarono, che pian piano vengono spazzate via dal vento e spente nel tempo. Questa è la storia di un luogo magico, che solo chi sa ancora sognare può capire, vedere e sentire. Si racconti dei suoi eroi, dei suoi amori e delle sue guerre che portarono alla sua distruzione. Perché è così che vanno e cose : nascono, crescono e muoiono.
All’inizio vi era il buio, il nero sovrastava qualunque cosa. E in questa oscurità aleggiava lo spirito divino. Ad un tratto fu creata una luce, una piccola fiamma che ruggiva in quella grande distesa di vuoto nero. Da questa altre ne nacquero, moltiplicandosi e costellando l’intero spazio adesso illuminato. Così si scoprirono le forme e un velo fu tolto, scoprendo cosa vi era sotto quel telo d’oscurità. Quello che era possibile vedere, era un ammasso amorfo e informe, avvolto da una fitta coltre di nebbia. Dominato da grandi rupi grigie, sontuosi ed altissimi arcialberi e draghi eterni. Lo spirito divino fece discendere così una pioggia che rinvigorì il terreno, rendendolo fertile e facendo germogliare le prime piante. Si crearono lunghe e d ampie distese d’acqua. Si formarono fiumi, laghi, paludi, mari ed oceani. Si innalzarono le foreste, le erbe invasero le lande desolate. Tutto adesso era più verde, e ove non vi era verde, vi erano alte e ripide montagne con poca vegetazione e tanta neve. La vita stava cominciando a popolare quel mondo in principio informe, ora i primi esseri viventi stavano facendo la loro comparsa. Gli antenati dei cervi, dei ratti, dei gatti, dei cani e così via. Ma fra questi uno spiccava : L’uomo.
Creature umanoidi, che comparvero secoli e secoli dopo la creazione. Ma la loro enorme capacità intellettuale li distinse da molti. Ma cosa ancor più importante, fu la loro adattabilità a farli predominare sul tutto. Infatti si diffusero immediatamente ovunque. Nel corso dei secoli però alcuni gruppi si separarono dalla razza, dividendosi in altre ancora. Chi si rinchiuse nelle miniere, diede inizio alla stirpe dei nani. Chi invece si ritirò nel bosco divenne un mutaforma. Altre razze costellavano questo mondo : Gli elfi silvani e gli elfi alti per esempio. Ma ci sono pure le fate, gli gnomi e i folletti. E altri ancora che abitano nel sottosuolo. Però penso che sia prematuro dirvi ciò cari lettori, lasciate che la storia si racconti da sola e non siate avidi. Vi rivelerò ogni cosa a tempo debito, riponete in me la vostra fiducia e lasciatevi guidare attraverso le cinque regioni.
Nel mondo finalmente vi era l’equilibrio, e una sola forza teneva il tutto insieme : l’anima.
Dall'oscurità appena illuminata, giunsero cinque esseri e trovarono le cinque anime dei Lord :
Brann : il signore della luce e del calore.
Jorden : bella donna dai fianchi larghi e protettrice delle gravidanze.
Bireti : signore del sapere, facilmente dimenticato.
Vann : pura fanciulla protettrice delle vergini e del matrimonio.
Inich'eti : uomo delle montagne e protettore della solitudine.
Divennero lord e semidei, a ognuno di loro fu affidata una regione. Questi abitano nella splendida Beyen Guder, sede sopra il cielo. Una zolla di terra tenuta attaccata al mondo tramite quattro spesse catene. Lo spirito divino prese sede a nord del mondo, dentro una cattedrale il cui accesso era vietato ad ogni comune mortale. Eccetto un uomo, il cui nome nei secoli fu dimenticato : il guardiano. MA qualcuno osò infrangere il volere degli dei, una donna di casa Khrovza, Kniverod. La donna andò spedita verso nord, disobbedendo così al volere degli dei. L’esito fu uno solo, il suo esilio nelle viscere della terra. Lo spirito risentito se ne andò via, condannando l’umanità alla sua assenza. Così il mondo fu destinato a crollare.
  • 1

E non chiamarmi artista, ma cazzaro
È chiaro? Io sono cazzaro alla radice


Immagine
[/img]
Avatar utente
Chiamami come ti pare
Amico level two
 
Stato:
Messaggi: 64
Iscritto il: 11/01/2018, 16:19
Località: Palermo
Citazione: Una ragazza è nessuno
Genere: Femminile

Che fa postiamo storielle nostre?

Messaggioda _Sehnsucht_ » 11/05/2018, 12:05



Mi piace molto lo stile in cui è scritto questo pezzo, ma è una storia completa sul fantasy o è solo un pezzo isolato?
Io scrivo esclusivamente con temi introspettivi, spesso mi ispiro a qualcosa realmente accaduto.
Questi sono pezzi presenti anche sul mio blog: viewtopic.php?f=49&t=18459
  • 0

"Il problema era che doveva continuare a scegliere tra un male o un altro." C. Bukowski
Avatar utente
_Sehnsucht_
Amico level six
 
Stato:
Messaggi: 266
Iscritto il: 09/11/2017, 23:55
Località: Nowhere
Citazione: Io sono destinata ad avere l'anima perpetuamente in tempesta
Genere: Femminile

Che fa postiamo storielle nostre?

Messaggioda Chiamami come ti pare » 11/05/2018, 13:31



beh si, è un pezzo di un mio libro fantasy. Caruccia l'idea del blo, e pure le storie. Forse seguirò la tua scia
  • 0

E non chiamarmi artista, ma cazzaro
È chiaro? Io sono cazzaro alla radice


Immagine
[/img]
Avatar utente
Chiamami come ti pare
Amico level two
 
Stato:
Messaggi: 64
Iscritto il: 11/01/2018, 16:19
Località: Palermo
Citazione: Una ragazza è nessuno
Genere: Femminile

Che fa postiamo storielle nostre?

Messaggioda _Sehnsucht_ » 11/05/2018, 14:05



Anni fa avevo un blog su splinder ma poi il sito chiuse i battenti, altri siti per blog erano troppo complessi da impostare quindi poi per semplificare il tutto aprii una pagina facebook così mi basta un unico account per due cose.
  • 0

"Il problema era che doveva continuare a scegliere tra un male o un altro." C. Bukowski
Avatar utente
_Sehnsucht_
Amico level six
 
Stato:
Messaggi: 266
Iscritto il: 09/11/2017, 23:55
Località: Nowhere
Citazione: Io sono destinata ad avere l'anima perpetuamente in tempesta
Genere: Femminile

Che fa postiamo storielle nostre?

Messaggioda Chiamami come ti pare » 12/05/2018, 15:15



Dovresti farti wattpad o efp ^^
sono siti appositi per gli scrittori in erba come noi! se ti va cercami come scupinzart :P
  • 0

E non chiamarmi artista, ma cazzaro
È chiaro? Io sono cazzaro alla radice


Immagine
[/img]
Avatar utente
Chiamami come ti pare
Amico level two
 
Stato:
Messaggi: 64
Iscritto il: 11/01/2018, 16:19
Località: Palermo
Citazione: Una ragazza è nessuno
Genere: Femminile


Torna a La setta dei poeti estinti - Forum Libri

Chi c’è in linea in questo momento?

Visitano il forum: Nessuno e 2 ospiti

Reputation System ©'