Mi sento troppo

E' qui che finiscono gli argomenti spazzatura.

Mi sento troppo

Messaggioda Gionata » 15/04/2019, 0:39



Non ci sto capendo niente cosa provo cosa è questo dolore, questa gioia folle, mi devo vergognare di essere così? Perché sono così complicato? E' meglio questo della noia? Penso alla morte, a che non sono capito, a che sono solo, a che vedo il male in tutti, a che vedo il male in me, a che ho scatti d'ira, a che posso essere estremamente simpatico, indefferente, fare del male male. Tremo e non so il perché, cambio le preferenze col mal di testa, reprimo col mal di testa, quali sono le mie potenzialità, cosa posso fare, smettendo tutto ciò a che penserei, la vita mi sembrerebbe inutile? Non riesco ad aprirmi del tutto quello che realemente provo mi da vergogna, mi vergogno di rileggermi, non sono poi così forte ma mi ostino ad esserlo non so se sia un bene o un male e questi mal di testa queste allucinazioni questi ricordi spezzati la follia la confusione sessuale, perché non scoppio. Voglio toccare il fondo e risalire voglio fare qualche cazzata se serve ma voglio uscirne, forse non funziona così è che vorrei scarricare come quando a volte tocco il metallo e prendo la scossa, ma soprattutto non vorrei avere questo mal di testa questo mal di testa questo mal di testa. vorrei rinascere e vorrei che non mi fosse accaduto quello che mi è accaduto vorrei avere una vita normale vorrei che la follia non esistesse, mi dispiace per gli adolescenti che scrivono ma che vita è in futuro se hai avuto una infanzia e una adolescenza di merda? Mi sento troppo diverso incasinato pure per questo forum e non so classificarmi, fino ad allora ho deciso di scrivere le mie stronzate in questo cestino.
  • 0

Gionata
Amico level one
 
Stato:
Messaggi: 45
Iscritto il: 30/05/2018, 22:02
Genere: Maschile

Mi sento troppo

Messaggioda Adry85 » 15/04/2019, 16:07



Gionata ha scritto:Non ci sto capendo niente cosa provo cosa è questo dolore, questa gioia folle, mi devo vergognare di essere così? Perché sono così complicato? E' meglio questo della noia? Penso alla morte, a che non sono capito, a che sono solo, a che vedo il male in tutti, a che vedo il male in me, a che ho scatti d'ira, a che posso essere estremamente simpatico, indefferente, fare del male male. Tremo e non so il perché, cambio le preferenze col mal di testa, reprimo col mal di testa, quali sono le mie potenzialità, cosa posso fare, smettendo tutto ciò a che penserei, la vita mi sembrerebbe inutile? Non riesco ad aprirmi del tutto quello che realemente provo mi da vergogna, mi vergogno di rileggermi, non sono poi così forte ma mi ostino ad esserlo non so se sia un bene o un male e questi mal di testa queste allucinazioni questi ricordi spezzati la follia la confusione sessuale, perché non scoppio. Voglio toccare il fondo e risalire voglio fare qualche cazzata se serve ma voglio uscirne, forse non funziona così è che vorrei scarricare come quando a volte tocco il metallo e prendo la scossa, ma soprattutto non vorrei avere questo mal di testa questo mal di testa questo mal di testa. vorrei rinascere e vorrei che non mi fosse accaduto quello che mi è accaduto vorrei avere una vita normale vorrei che la follia non esistesse, mi dispiace per gli adolescenti che scrivono ma che vita è in futuro se hai avuto una infanzia e una adolescenza di merda? Mi sento troppo diverso incasinato pure per questo forum e non so classificarmi, fino ad allora ho deciso di scrivere le mie stronzate in questo cestino.


non devi vergognarti racconta la tua storia
  • 0

Adry85
Nuovo Amico Virtuale
 
Stato:
Messaggi: 5
Iscritto il: 15/04/2019, 15:18
Località: Bergamo
Genere: Maschile

Mi sento troppo

Messaggioda Sting » 16/06/2019, 17:44



Gionata ha scritto:Non ci sto capendo niente cosa provo cosa è questo dolore, questa gioia folle, mi devo vergognare di essere così? Perché sono così complicato? E' meglio questo della noia? Penso alla morte, a che non sono capito, a che sono solo, a che vedo il male in tutti, a che vedo il male in me, a che ho scatti d'ira, a che posso essere estremamente simpatico, indefferente, fare del male male. Tremo e non so il perché, cambio le preferenze col mal di testa, reprimo col mal di testa, quali sono le mie potenzialità, cosa posso fare, smettendo tutto ciò a che penserei, la vita mi sembrerebbe inutile? Non riesco ad aprirmi del tutto quello che realemente provo mi da vergogna, mi vergogno di rileggermi, non sono poi così forte ma mi ostino ad esserlo non so se sia un bene o un male e questi mal di testa queste allucinazioni questi ricordi spezzati la follia la confusione sessuale, perché non scoppio. Voglio toccare il fondo e risalire voglio fare qualche cazzata se serve ma voglio uscirne, forse non funziona così è che vorrei scarricare come quando a volte tocco il metallo e prendo la scossa, ma soprattutto non vorrei avere questo mal di testa questo mal di testa questo mal di testa. vorrei rinascere e vorrei che non mi fosse accaduto quello che mi è accaduto vorrei avere una vita normale vorrei che la follia non esistesse, mi dispiace per gli adolescenti che scrivono ma che vita è in futuro se hai avuto una infanzia e una adolescenza di merda? Mi sento troppo diverso incasinato pure per questo forum e non so classificarmi, fino ad allora ho deciso di scrivere le mie stronzate in questo cestino.




Dai racconta la tua storia, mal che vada non sei l'unico anormale sulla faccia della terra e quindi non andresti nell' occhio .
  • 0

Avatar utente
Sting
Amico level sixteen
 
Stato:
Messaggi: 794
Iscritto il: 13/12/2018, 11:21
Località: Italia
Genere: Maschile

Mi sento troppo

Messaggioda Gionata » 11/10/2019, 4:27



Mio padre era troppo severo e io troppo sensibile, mia madre mancava quasi tutto il giorno e quando tornava a casa e speravo di confortarmi con lei era troppo incazzata o stanca per il suo lavoro e mio padre era duro pure con lei; mio nonno si è ammazzato quando avevo 7 anni e tutta la mia famiglia è diventata diversa, più silenziosa, a tutto questo avrei potuto resistere, ma lo stesso prete che ha agevolato la sepoltura di mio nonno mi ha violentato e ha convinto un altro uomo di chiesa a violentarmi, mi hanno passato come se fossi un oggetto, non posso ricordare tutto quello che mi hanno fatto perché dopo le prime violenze insopportabili mi chiudevo, andavo come in coma e loro avevano tutto facile e mi odiavo pure per questo; era un esperto aveva accennato ad altri bambini e diceva che io ero uno dei suoi preferiti, sapeva che trattandoci malissimo ci sarebbemmo chiusi in noi stessi e non avrebbemmo mai parlato, io ho represso e sono stato malissimo per tutta la vita con tanto dolore fisico, non ho mai avuto una infanzia un adolescenza amori delusioni amicizie, io sono fermo ad allora nonostante i miei sforzi con cui ho peggiorato solo le cose. L'ho tenuto per me per trent'anni, ne ho parlato con mia madre che pensavo potesse consolari o aiutarmi, ma dopo che rimase scioccata per qualche secondo e che mi avesse chiesto se fossi sicuro che fosse successo è stata capace di dirmi soltanto "e dopo tutto questo tempo che ci posso fare, a tuo padre devi dirlo tu". Io a mio padre l'ho detto, almeno spero non parlerà più bene di quelle persone. Ma la cosa che mi fa stare più male e mi fa sperare di più che fossi morto è stato il rischio di passare la mia malasanità sessuale al mio fratello che mi è più vicino di età, da bambino ero stato abbastanza forte da allontanarlo, ma lui voleva essere come me, io dovevo essere la sua guida perché era più piccolo, ci rimase malissimo; sono felice però di vedere che si è fatto una vita nonostante me. Tratto male i miei fratelli, ma loro forse sono la cosa più importante della mia vita, sto troppo male e sono chiuso troppo in me stesso per amarli come vorrei. Non posso guardare la gente negli occhi, perché vedono rabbia e quando non posso evitare in alcun modo il confronto divento aggressivo e crudele, ho paura di guardare i bambini perché ho paura di diventare un mostro. Grazie per l'ascolto non mi piace come sono stato e come sono adesso, spero di resistere ai miei demoni e di cacciarli via e a ricordare pienamente il mio passato e ad accettarlo
  • 0

Gionata
Amico level one
 
Stato:
Messaggi: 45
Iscritto il: 30/05/2018, 22:02
Genere: Maschile

Mi sento troppo

Messaggioda Sting » 11/10/2019, 10:22



Mi dispiace, nulla da aggiungere.
Non è facile andare avanti nella tua condizione. La gente poi è fatta male, se poi a giusto ci metti che già ti fa male la testa per fatti tuoi allora è lecito che ti innervosisci. Apprezzo che ti sei aperto e ne hai parlato, l'importante è che sia servito a te per sentirti meglio.

Ciao :)
  • 0

Avatar utente
Sting
Amico level sixteen
 
Stato:
Messaggi: 794
Iscritto il: 13/12/2018, 11:21
Località: Italia
Genere: Maschile


Torna a Cestino

Chi c’è in linea in questo momento?

Visitano il forum: Nessuno e 2 ospiti

Reputation System ©'